Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Maxi-intesa mediterranea Eni e Russia soci nel gas
13/12/2016 - Pubblicato in news internazionali

Il risiko mondiale del gas muove miliardi e ridisegna le mappe globali dell’energia, con l’Eni a recitare un ruolo da protagonista. Sul piano strettamente economico, il gruppo italiano incassa un assegno da un miliardo e 575 milioni di dollari (corrispondente quasi alla stessa cifra in euro) vendendo alla russa Rosneft una quota del 30% nella concessione di Shorouk, nel Mar Mediterraneo di fronte all’Egitto, dove si trova il gigantesco giacimento di gas Zohr, che è stata la più grande scoperta di metano negli ultimi anni. Ma al di là del flusso di denaro verso l’Eni, la cessione del 30% si fa notare perché l’acquirente non è un gruppo qualsiasi ma è la Rosneft, e questo inaugura una nuova stagione di alleanze italo-russe nell’energia. Troppo presto forse per ricamare ipotesi sul nuovo corso internazionale che sta per essere avviato da Donald Trump, futuro presidente filo-russo degli Stati Uniti, e dal numero uno filo-russo della Exxon come segretario di Stato, ma la coincidenza è suggestiva. Al momento la Russia fornisce all’Italia un terzo del metano che consuma, ma le collaborazioni fra aziende dei due Paesi non sono molte.

Fonte: La Stampa – Luigi Grassia (pag. 16)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Russia-Ucraina, ancora nessun accordo sul transito di gas

Nessuna decisione concreta ma l’impegno a continuare a lavorare per arrivare a un accordo prima della fine dell’anno, quando scadrà il contratto di transito del gas verso l’Europa.
[leggi tutto…]

Settimana Ue: il gas nel trilaterale Ue-Russia-Ucraina

Lo stato delle relazioni tra Ue e Russia è il primo punto in programma nella riunione della Commissione per gli Affari Esteri del Parlamento europeo.
[leggi tutto…]

2025. Carbone addio

L’Italia dirà definitivamente addio al carbone nel 2025, lo ha annunciato il ministro dell’Ambiente Sergio Costa.
[leggi tutto…]