Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Mani legate per l’Opec: manca troppo petrolio, non solo dal Venezuela
09/06/2018 - Pubblicato in news internazionali

L’Arabia Saudita ha promesso di rimpiazzare il petrolio iraniano dopo le sanzioni Usa e la Russia non vede l’ora di estrarre di più. Ma soddisfare il fabbisogno del mercato rischia di non essere facile. E non solo per l’aggravarsi della crisi in Venezuela. Nella coalizione Opec-non Opec, che tra due settimane valuterà una revisione degli accordi produttivi, ci sono altri due Paesi in grave difficoltà: l’Angola, tra i membri dell’Opec, e il Messimo, tra gli alleati esterni. Entrambi hanno ridotto l’output con tagli addirittura tripli rispetto a quelli assegnati perché non riescono a estrarre di più. Difficilmente si schiereranno quindi a favore di un aumento della produzione, andando piuttosto a ingrossare le schiere dei contrari. Per statuto l’Opec può prendere solo decisioni unanimi, ma a questo punto raggiungere il consenso per aprire ufficialmente i rubinetti sembra una sfida ai limiti dell’impossibile. Teheran e Caracas premono infatti perché l’Opec condanni gli Usa, anziché assecondarli, e avrebbe chiesto (invano secondo Reuters) di inserire in agenda a Vienna una mozione “a sostegno dei Paesi membri sotto sanzioni illegali, unilaterali e ed extraterritoriali”

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza&Mercati – Sissi Bellomo (pag. 14)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

“Gas fondamentale per la competitività. L’Italia giochi il suo ruolo in Europa”

Intervenendo al convegno organizzato da Assocarta e Confindustria Toscana Nord su “Gas, competitività e sostenibilità ambientale nell’industria italiana”  il manager si Sofidel Luigi Lazzeschi ha sottolineato come il P
[leggi tutto…]

Scoperta Eni nel Mare del nord

Eni, attraverso la controllata Var-Energy (Eni 69,6%) e Hitec Vision (30,4%) ha annunciato una scoperta di petrolio e gas nella licenza PL 869 nel Mare del Nord norvegese.
[leggi tutto…]

Eni, più petrolio e per compensare nascerà in Africa una superforesta

Il Piano industriale Eni da qui al 2022 prevede da un lato, l’aumento di petrolio e gas naturale estratti dai suoi giacimenti in giro per il mondo almeno del 3,5% all’anno.
[leggi tutto…]