Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Mani forti dietro al rally del petrolio
31/10/2017 - Pubblicato in news internazionali

Lo shale oil non fa più paura agli hedge funds, che hanno continuato ad alzare la posta nelle scommesse su ulteriori rialzi del petrolio anche mentre il prezzo del Brent correva verso quota 60 dollari al barile. Si è rafforzata l’esposizione rialzista, ma ancora più significativa è stata la riduzione delle posizioni corte, crollate del 6,6% nel caso del Brent. Mani forti hanno continuato a sostenere il greggio anche nei giorni successivi. Il Brent ieri ha aggiornato il record, chiudendo a 60,09 dollari al barile (+0,8%), il Wti è salito a 54,15 dollari (+0,5%). Sauditi e russi sono riusciti a convincere che i tagli produttivi continueranno per tutto il 2018 e la domanda petrolifera continua a correre più dell’offerta, riducendo le scorte. Jp Morgan ieri ha alzato di ben 11 dollari la previsione sul prezzo del Brent nel 2018, portandola a 58 dollari.

Fonte: Il Sole 24 Ore Finanza & Mercati – Sissi Bellomo (pag. 38)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Il gas torna più caro in Europa con la CO2

Sul principale hub nel Vecchio continente, il Ttf olandese, il gas è arrivato a 14 €/MWh sul mercato del giorno prima
[leggi tutto…]

Border tax, Ets e neutralità carbonica: le promesse di Von der Leyen

Obiettivo di neutralità climatica al 2050 entro i primi 100 giorni di mandato da presidente: questa la promessa contenuta nelle lettere con cui Ursula von der Leyen chiede l'appoggio dei Socialisti e democratici e ai Liberali di Renew Europe p
[leggi tutto…]

Transitgas, così le cessioni Eni nel quarto trimestre

Nell'ambito delle procedure Eni per la cessione di capacità di trasporto gas dal Nord Europa avviate la scorsa estate per l'anno termico 2018-2019, Eni ha reso noto oggi il numero definitivo di lotti offerti relativamente al 4° trimes
[leggi tutto…]