Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa A maggio la svolta del petrolio: produzione globale in forte calo
15/06/2016 - Pubblicato in news internazionali

Maggio potrebbe davvero aver segnato una svolta sul mercato del petrolio. La conferma arriva anche dall’Agenzia internazionale per l’energia (Aie), secondo cui la produzione globale di greggio è diminuita il mese scorso di 590mila barili al giorno. Si tratta del primo calo significativo su base annua dall’inizio del 2013, osserva l’organismo dell’Ocse. E non dipende soltanto dalle ormai ben note emergenze, come gli incendi canadesi o i ripetuti attacchi alle infrastrutture petrolifere della Nigeria. La frenata dipende solo dai Paesi non Opec, che in un anno hanno perso 1,3 milioni di barili al giorno. L’Opec al contrario ha estratto 500mila bg in più, al traino di un’eccezionale ripresa dell’Iran, che dopo la revoca delle sanzioni ha riattivato 700mila bg di produzione in meno di sei mesi, salendo a 3,6 mbg.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Sissi Bellomo (pag. 30)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Eni, più petrolio e per compensare nascerà in Africa una superforesta

Il Piano industriale Eni da qui al 2022 prevede da un lato, l’aumento di petrolio e gas naturale estratti dai suoi giacimenti in giro per il mondo almeno del 3,5% all’anno.
[leggi tutto…]

Crisi climatica, un allarme insufficiente

Il Climate Change Performance Index (CCPI), un indicatore messo a punto congiuntamente da Germanwatch, NewClimate Institute e Climate Action Network, consente di valutare le politiche energetico-climatiche dei singoli paesi
[leggi tutto…]

Gas, mercato libero e accise: l'audizione di Eni sul Pec

In occasione dell'audizione su Sen e Piano Energia e Clima, Eni ha caldeggiato un approccio sinergico basato sulla cooperazione delle fonti in cui “la scelta delle migliori soluzioni viene lasciata al mercato”.
[leggi tutto…]