Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Maduro poggia il Petro sul barile
01/02/2018 - Pubblicato in news internazionali

La data fissata per il debutto del Petro, la cripto valuta venezuelana, è il 20 febbraio prossimo. Da quel giorno sarà possibile sottoscrivere questo bitcoin reinventato dal presidente Nicolas Maduro, alle prese con una crisi economica senza precedenti e debiti per 60 miliardi di dollari. Il successore di Hugo Chavez è riuscito persino a dotare di degne credenziali l’iniziativa, bollata come una barzelletta da molte istituzioni finanziarie occidentali, quelle statunitense in testa. Come sottostante, il Petro avrà le riserve certificate di uno dei giacimenti del Delta dell’Orinoco, il blocco 1 di Ayachuco, confinante con Junin, affollato di compagnie petrolifere. Vi operano, infatti, Eni, Cnpc, Total e Statoil, attraverso le imprese miste Petrojunín, Petrourica e Petrocedeño. Secondo la definizione di Maduro, la cripto-valuta sarà «una moneta sovrana, garantita dagli attivi petroliferi, e servirà da piattaforma per la crescita di un sistema finanziario più favorevole allo sviluppo nazionale». Il primo stock di Petro stimato da Maduro in 100 milioni di pezzi, avrebbe un controvalore di oltre 6 miliardi di dollari.

Fonte: MF – Angela Zoppo (pag. 4)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sanzioni Usa e caso Navalny, Nord Stream 2 torna nel mirino

Doppio attacco al Cremlino, nel pomeriggio di ieri. Il primo è partito dalla Casa Bianca nelle ultimissime ore dell’amministrazione Trump, che ha sganciato il suo siluro finale sul Nord Stream 2
[leggi tutto…]

UE, due bandi per progetti d’interesse comune

La Commissione europea ha aperto due call for applications per progetti nell'ambito delle reti intelligenti (“smart grids”) e delle reti per il trasporto della CO2 da far rientrare nel quinto elenco di progetti d'interesse comune &nd
[leggi tutto…]

Gas, scatta la maxi speculazione. In Europa volatilità da Bitcoin

Gas come il Bitcoin, condizioni senza precedenti quelle in cui è precipitato il mercato, con i vertiginosi rincari del Gnl in Asia che hanno innescato un’ estrema volatilità sugli hub europei
[leggi tutto…]