Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il M5s si arrende alla Tap
12/07/2018 - Pubblicato in news nazionali

Adesso i 5stelle sono al governo, le loro bandiere non sventolano più nelle manifestazioni anti-oleodotto e ricevono l’accusa di tradimento. Così il Comitato Ventotene, una delle punte di diamante della contestazione all’oleodotto, si sente tradito e ha scritto un comunicato di fuoco: ‘I gialloverdi danno il via definitiva alla Tap, il governo ha espresso parere favorevole tramite il proprio rappresentante nel board della Bers, la Bance europea per lo sviluppo che finanzia il gasdotto. Questo parere favorevole ha sbloccato un prestito di 500 milioni di euro al quale si aggiungeranno ulteriori somme ad altro titolo per un totale di 1,2 miliardi solo da questo istituto”. Insomma l’oleodotto, che peraltro l’Europa ha definito indispensabile e che porterà energia anche all’Italia, fu voluto dai governi precedenti. Il gasdotto Tap (Trans Adriatic Pipeline) è un progetto da 40 miliardi di dollari realizzato da un consorzio internazionale di cui Snam ha il 20%. Sarà lungo 878 chilometri. Attraverso questo gasdotto transiteranno 10 miliardi di metri cubi di gas.

Fonte: ItaliaOggi – Carlo Valentini (pag. 10)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]

Trivellazioni a largo di Cipro. Braccio di ferro tra UE e Erdogan

Acque agitate al largo di Cipro, dove Ankara sta portando avanti da giorni trivellazioni per la ricerca di idrocarburi. Ieri, dopo una settimana di avvertimenti, la Ue ha stabilito un primo round di sanzioni politiche ed economiche alle quali Ankara ha re
[leggi tutto…]