Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Luce e gas, allarme bolletta i rincari non si fermeranno
30/09/2018 - Pubblicato in news nazionali

Gli aumenti del costo della bolletta energetica per famiglie imprese, dopo i rincari degli ultimi due trimestri, non sono destinati a invertire la tendenza. Anzi, si prevedono tariffe ancora in crescita per la fine dell’anno, sulla scia del boom della materie prime, ma non solo. Una previsione confermata dalla delibera con cui l’Autorità per l’energia, giovedì scorso, ha fissato le nuove tariffe (per la componente materia prima) per il periodo fino al 31 dicembre: le bollette saliranno del 7,6% per l’elettricità e del 6,1% per il gas. La prima causa dell’aumento è dovuto alla corsa delle materie prime: il barile in un anno ha recuperato oltre il 50% delle quotazioni e con i report che vedono quota 100 dollari entro la fine dell’anno. Ma ancora più clamorosi sono gli effetti dei prezzi sui mercati spot del gas naturale, il combustibile più usato in Italia per produrre energia: anche in questo caso, le quotazioni sono schizzate, sfiorando il 70% di aumento di media.

Fonte: La Repubblica, Economia – Luca Pagni (pag.22)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]