Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa La Libia stronca il rimbalzo del petrolio
20/06/2017 - Pubblicato in news internazionali

Ieri il Wti ha ripreso a scendere verso quota 44 dollari/barile. Le quotazioni dell’oro nero con il passare delle ore sono andate in rosso per le notizie sulla crescente produzione in Libia. Si tratta di 885 mila barili al giorno e obiettivo è quello del milione di barili quotidiani entro la fine di luglio. Tripoli è escluso dal piano di tagli alla produzione in atto tra i paesi Opec. L’ultima prova dell’eccesso di greggio sui mercati è arrivata dalla Cina: Sinopec e PetroChina hanno dato il via ad una guerra dei prezzi contro le major stranieri portandoli ai minimi di 21 centesimi di dollari al litro.

Fonte: MF – Antonio Lusardi (pag. 7)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Obiettivo di Eni: sostenibilità e transizione energetica

Il mondo dell’energia sta cercando di evolvere nella direzione di una maggiore sostenibilità
[leggi tutto…]

Eni, rosso da 7,34 miliardi. Taglia spese, investimenti e anche il dividendo

Eni chiude il “peggior semestre nella storia dell’oil&gas”, due materie deprezzate del 57% da gennaio, con un rosso di 7,34 miliardi di euro legato molto a svalutazioni di magazzino. I conti nuovi, del secondo trimestre, sono comunqu
[leggi tutto…]

Sad e gas per usi industriali, supplemento di istruttoria

La Commissione interministeriale per lo studio e l’elaborazione di proposte per la transizione ecologica e per la riduzione dei sussidi ambientalmente dannosi (Sad) ha formulato alcune proposte normative volte a rimodulare sette Sad previsti nel rel
[leggi tutto…]