Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa La Libia stronca il rimbalzo del petrolio
20/06/2017 - Pubblicato in news internazionali

Ieri il Wti ha ripreso a scendere verso quota 44 dollari/barile. Le quotazioni dell’oro nero con il passare delle ore sono andate in rosso per le notizie sulla crescente produzione in Libia. Si tratta di 885 mila barili al giorno e obiettivo è quello del milione di barili quotidiani entro la fine di luglio. Tripoli è escluso dal piano di tagli alla produzione in atto tra i paesi Opec. L’ultima prova dell’eccesso di greggio sui mercati è arrivata dalla Cina: Sinopec e PetroChina hanno dato il via ad una guerra dei prezzi contro le major stranieri portandoli ai minimi di 21 centesimi di dollari al litro.

Fonte: MF – Antonio Lusardi (pag. 7)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Carbone, il Far East traina la domanda

Il commercio mondiale di carbone continua a correre sfruttando la spinta del sud-est asiatico alla ricerca di fonti di energia a prezzi bassi.
[leggi tutto…]

“Gas fondamentale per la competitività. L’Italia giochi il suo ruolo in Europa”

Intervenendo al convegno organizzato da Assocarta e Confindustria Toscana Nord su “Gas, competitività e sostenibilità ambientale nell’industria italiana”  il manager si Sofidel Luigi Lazzeschi ha sottolineato come il P
[leggi tutto…]

Scoperta Eni nel Mare del nord

Eni, attraverso la controllata Var-Energy (Eni 69,6%) e Hitec Vision (30,4%) ha annunciato una scoperta di petrolio e gas nella licenza PL 869 nel Mare del Nord norvegese.
[leggi tutto…]