Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa In Libia nuovo stop per Eni&co
29/08/2017 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Non c’è pace per i giacimenti libici, che pure hanno garantito una forte ripresa della produzione, anche grazie all’esenzione dai tagli Opec. Lo sa bene Eni, così come tutte le oil company ancora attive nel Paese nordafricano. L’ultimo rapporto della Petroleum Facilities Guard, che si occupa della sicurezza degli impianti, è allarmante: altri due giacimenti sono stati chiusi nel fine settimana e la compagnia petrolifera nazionale Noc parla nuovamente di cause di forza maggiore, dopo che gruppi armati hanno attaccato gli oleodotti più vicini. Tra i campi costretti allo stop forzato c’è El Feel, conosciuto anche come Elephant, partecipato da Eni con una quota del 33,3% in joint venture con Noc, aveva ripreso la produzione da pochi mesi con una capacità di circa 90 mila barili giornalieri. Eni però non fa passi indietro. Nel primo semestre è proseguita l’attività esplorativa nell’area contrattuale D con una scoperta a gas e pochi mesi fa, ad aprile, la licenza è stata estesa fino al 2019.

Fonte: MF – Angela Zoppo (pag. 11)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Greggi in aumento. Le tensioni sulla Brexit e in Siria aumentano la volatilità

Le quotazioni del petrolio hanno inanellato due sedute positive, nonostante il rafforzamento del dollaro sull'euro.
[leggi tutto…]

Saipem trova il tris in Australia

Due notizie hanno aiutato Saipem nella risalita in borsa di ieri, che ha visto il titolo chiudere a 3,86€ con un guadagno del 2,4%.
[leggi tutto…]

“Blocca trivelle”, l'impatto sulle attività upstream

In attesa che la maggioranza di Governo prenda una decisione sul cosiddetto “blocca trivelle”, è importante mettere a fuoco i riflessi che le misure restrittive che si vorrebbero adottare potrebbero avere sulle attività upst
[leggi tutto…]