Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa In Libia nuovo stop per Eni & C
25/04/2017 - Pubblicato in news internazionali

Sembrava fatta per la riapertura del giacimento di Al Feel (meglio noto come Elephant), partecipato da Eni al 33.3% in Libia e chiuso da due anni. Invece la National oil company libica ha smentito le indiscrezioni. Elephant non riceve energia elettrica necessaria per tornare in funzione, perché l’impianto di El Sharara, gestito da Repsol, a sua volta è inattivo. Economicamente per la Libia è un mancato introito di circa 4,5 miliardi di dollari/anno. Il motivo per cui Repsol ha chiuso El Sharara sembra essere legato a questioni di sicurezza: l’accesso ai giacimenti dipende dalle milizie Zintan, che controllano la zona. Intanto le altre attività di Eni in Livia vanno avanti. Nei primi mesi dell’anno è stata avviata la piattaforma offshore nel giacimento di Bouri (Eni 50%); per il prossimo anno è previsto l’avvio della produzione del giacimento di Bahr Essalam (Eni 50%).

Fonte: MF – Angela Zoppo (pag. 11)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]