Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Libia, da Londra riconoscimento all’Eni e all’Italia
10/10/2018 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Un accordo di prima grandezza quello che è stato firmato ieri a Londra, un grande riconoscimento per l’Eni e per l’Italia da parte di BP e della NOC libica. Si tratta dell’ingresso di Eni con una quota del 42,5% e il ruolo di operatore, nelle tre aree per complessivi 54.000 kmq concesse da Gheddafi alla BP nel 2007, due onshore e l’altra offshore, rimaste da allora praticamente in sonno. Con la BP che scende dall’85 al 42,5% e lascia a Eni il ruolo di operatore e la NOC che rimane al 15%. Un prezzo che ha per Londra come contropartita la possibilità di valorizzare un asset che diversamente rischiava di rimanere improduttivo. E al tempo stesso il riconoscimento della leadership dell’Eni e dell’Italia in quell’area. Una notizia che giunge nel giorno in cui l’Onu ha mandato a Roma a incontrare il Ministro degli Esteri, Enzo Moavero Milanesi, la diplomatica Stephanie Williams, in vista dell’Organizzazione della Conferenza internazionale in programma a Palermo l’11 e il 12 novembre cui hanno già assicurato la loro presenza il segretario di stato Usa, Mike Pompeo, e il ministro degli Esteri russo, Serghei Lavrov, ma a cui si spera di portare anche Trump e Putin. Ne va del futuro della Libia e della stabilità del Nord Africa. Un futuro in cui le risorse che potranno arrivare dallo sfruttamento delle risorse di petrolio e gas avranno un peso enorme per riuscire a sanare le divisioni tra Tripolitania e Cirenaica.

Fonte: Staffetta quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]

Trivellazioni a largo di Cipro. Braccio di ferro tra UE e Erdogan

Acque agitate al largo di Cipro, dove Ankara sta portando avanti da giorni trivellazioni per la ricerca di idrocarburi. Ieri, dopo una settimana di avvertimenti, la Ue ha stabilito un primo round di sanzioni politiche ed economiche alle quali Ankara ha re
[leggi tutto…]