Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa La Libia frena ma Eni raddoppia
03/04/2019 - Pubblicato in news internazionali

La morsa dei ribelli sui giacimenti comincia a presentare il conto alla Noc, la compagnia petrolifera di Stato della Libia. Gli ultimi dati disponibili (risalenti a febbraio) hanno fatto registrare un calo di 330 milioni di dollari; gli incassi si sono fermati a 1,26 miliardi di dollari. La frenata è dovuta al fermo del giacimento di Sharara, operato da Repsol e riaperto solo il 4 marzo, che ha fatto mancare all’appello 260mila barili al giorno. Nelle ultime settimane però la produzione di greggio è tornata ad aumentare, riportandosi a 900mila barili al giorno, verso quota 1,2 milioni. In questo scenario, Eni ha firmato due nuovi accordi con Noc per aumentare la produzione di gas e rafforzare le misure di sicurezza a protezione degli impianti. Secondo il primo memorandum Eni e Noc formeranno un comitato direttivo per accelerare la produzione di gas nel bacino marino di Sabratha dove c’è la piattaforma offshore. L’obiettivo è arrivare ad una capacità di 21.5 milioni di metri cubi al giorno. Il secondo memorandum riguarda invece il rafforzamento del personale di sicurezza.

Fonte: MF – Angela Zoppo (pag.14)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]

Trivellazioni a largo di Cipro. Braccio di ferro tra UE e Erdogan

Acque agitate al largo di Cipro, dove Ankara sta portando avanti da giorni trivellazioni per la ricerca di idrocarburi. Ieri, dopo una settimana di avvertimenti, la Ue ha stabilito un primo round di sanzioni politiche ed economiche alle quali Ankara ha re
[leggi tutto…]