Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Libia, bloccato gasdotto Noc a Sidi el-Sayeh
15/04/2020 - Pubblicato in news internazionali

Bloccato giovedì un gasdotto della Noc che fornisce ogni giorno circa 200 milioni di piedi cubi di gas (5.663.369 mc) ai cementifici e alle centrali elettriche di el-Khoms e Misurata, causando carenze nelle forniture di elettricità nella regione occidentale. Il gasdotto è stato chiuso alla valvola LVS-5 nella regione di Sidi el-Sayeh. Lo ha precisato in un comunicato la Noc di Tripoli condannando l'atto di “alcuni libici” che hanno deciso di approfittare della situazione della lotta contro il Coronavirus per privare la capitale di elettricità. Noc e la sua controllata Brega Petroleum Marketing Company (BPMC) stanno ora indirizzando il diesel importato verso le centrali elettriche che possono utilizzare combustibili liquidi. Tuttavia, ciò aumenterà i costi e eserciterà ulteriore pressione sui budget ridotti, a causa della continua interruzione delle raffinerie locali a seguito dei blocchi petroliferi nel paese. “Ciò esercita una maggiore pressione sul Noc – ha precisato il presidente Noc Mustafa Sanalla - per importare grandi quantità di carburante, il che è particolarmente difficile a causa delle nuove restrizioni messe in atto per fermare la diffusione della malattia. Questa chiusura criminale e disumana deve finire immediatamente senza indugio".

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sussidi ambientali, fra tagli e retromarce tutte le voci sotto tiro

In queste settimane il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, ha annunciato di voler rincarare l’accisa del gasolio per modificare il prezzo e rendere il diesel più costoso della benzina, perché ritenuto un sussidio dannoso per l&
[leggi tutto…]

Industria ceramica in allarme: <<Arrivano costi folli per la CO2>>

Cambiano e diventano più severe le regole europee per le emissioni di anidride carbonica dell’industria
[leggi tutto…]

Cipro, il fronte del mare. Così la corsa al gas accende incubi di guerra

Dalla scoperta del gas nel 2011 l’isola di Cipro è sempre di più il terreno di confronto tra sfidanti ben più potenti dei suoi residenti, divisi  da una linea di demarcazione da oltre cinquanta anni, turco-ciprioti e greco-
[leggi tutto…]