Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Libia & C., l’autunno caldo di Eni
05/09/2018 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Nei numeri di Eni in Nord Africa, schizzati ad agosto scorso a quasi 800 mila barili al giorno, c’è una sorpresa: il sorpasso dell’Egitto sulla Libia, una buona notizia per il gruppo. In termini di produzione, grazie soprattutto all’avvio lampo e alla crescita esponenziale del giacimento super giant di Zohr, i barili egiziani sono ormai 320 mila al giorno. La produzione registrata dall’inizio del 2018 in Libia è scesa a una media di 300 mila barili. In termini percentuali siamo ancora vicino al 20% della produzione complessiva dell’Eni, ma scorrendo i documenti finanziari del gruppo si scopre che il peso della Libia è destinato a scendere nel medio termine, se non altro perché continueranno a crescere i contributi di altri Paesi, come l’Egitto.

Fonte: MF, Mercati – Angela Zoppo (pag. 6)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Un pieno di idrogeno

Spinta sull’idrogeno, decisivo a decarbonizzare il mondo
[leggi tutto…]

Sussidi ambientali, fra tagli e retromarce tutte le voci sotto tiro

In queste settimane il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, ha annunciato di voler rincarare l’accisa del gasolio per modificare il prezzo e rendere il diesel più costoso della benzina, perché ritenuto un sussidio dannoso per l&
[leggi tutto…]

Industria ceramica in allarme: <<Arrivano costi folli per la CO2>>

Cambiano e diventano più severe le regole europee per le emissioni di anidride carbonica dell’industria
[leggi tutto…]