Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Libia & C., l’autunno caldo di Eni
05/09/2018 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Nei numeri di Eni in Nord Africa, schizzati ad agosto scorso a quasi 800 mila barili al giorno, c’è una sorpresa: il sorpasso dell’Egitto sulla Libia, una buona notizia per il gruppo. In termini di produzione, grazie soprattutto all’avvio lampo e alla crescita esponenziale del giacimento super giant di Zohr, i barili egiziani sono ormai 320 mila al giorno. La produzione registrata dall’inizio del 2018 in Libia è scesa a una media di 300 mila barili. In termini percentuali siamo ancora vicino al 20% della produzione complessiva dell’Eni, ma scorrendo i documenti finanziari del gruppo si scopre che il peso della Libia è destinato a scendere nel medio termine, se non altro perché continueranno a crescere i contributi di altri Paesi, come l’Egitto.

Fonte: MF, Mercati – Angela Zoppo (pag. 6)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Greggi in aumento. Le tensioni sulla Brexit e in Siria aumentano la volatilità

Le quotazioni del petrolio hanno inanellato due sedute positive, nonostante il rafforzamento del dollaro sull'euro.
[leggi tutto…]

Saipem trova il tris in Australia

Due notizie hanno aiutato Saipem nella risalita in borsa di ieri, che ha visto il titolo chiudere a 3,86€ con un guadagno del 2,4%.
[leggi tutto…]

“Blocca trivelle”, l'impatto sulle attività upstream

In attesa che la maggioranza di Governo prenda una decisione sul cosiddetto “blocca trivelle”, è importante mettere a fuoco i riflessi che le misure restrittive che si vorrebbero adottare potrebbero avere sulle attività upst
[leggi tutto…]