Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il lato oscuro delle rinnovabili: la transizione tra vincitori e vinti
27/07/2020 - Pubblicato in news internazionali

Sebbene si parli spesso di sussidi alle fonti fossili, sono queste a sussidiare le casse dei Governi, consentendoci da tempo il nostro stile di vita, garantendoci una fonte energetica economica e dall’utilizzo flessibile. In media nell’UE le tasse energetiche valgono il 6 % delle entrate statali e l’80%di queste sono accise sui carburanti. Inoltre carbone e petrolio sono stati un elemento portante della politica internazionale, senza il petrolio il rapporto tra USA e Arabia Saudita non si sarebbe mai consolidato. Una transizione alle rinnovabili genererà anche una rivoluzione nella diplomazia: due i rischi principali: il primo è il declino del ruolo dei petrostati, da Riad alla Russia; il secondo è la competizione sulle tecnologie per le rinnovabili. Consumi, fisco e geopolitica, saranno alcuni dei grandi temi coinvolti nella transizione alle rinnovabili, sia all’interno delle nazioni che fra le nazioni.

Fonte: Il Fatto Quotidiano – Giuliano Garavini (pag. 13)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

L’Asia è senza gas l’Europa si salva l’Italia ringrazia il Tap

Non c’è mica stato solo il Covid: a luglio ondata di caldo in Asia che fa crescere la domanda di energia per il condizionamento; a settembre un uragano in Camerun, uno dei maggiori produttori di gas, rallenta la produzione di Gnl che alimenta
[leggi tutto…]

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]