Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’Italia riparte da energia e infrastrutture
26/01/2016 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Le previsioni sono buoni: liberato dalle sanzioni l’Iran potrebbe raddoppiare il suo Pil entro dieci anni, superando Turchia e Arabia Saudita. Il valore stimato del mercato iraniano sarà allora di 180 miliardi di dollari. Il presidente Hassan Rohani, in visita in Italia da ieri, ha lanciato la campagna per le parlamentari del 26 febbraio promettendo di far impennare la crescita fino all’8% ma per questo ambizioso obiettivo ha bisogno di investimenti stranieri per 30-50 miliardi di dollari l’anno e di un’impennata del prezzo dell’oro nero.  La riapertura con Teheran produce un vantaggio immediato sul settore petrolifero, dove l’Eni ha una presenza storica. Secondo il capo dell’Eni Claudio Descalzi l’Iran avrà bisogno di 150 miliardi di dollari di investimenti nei prossimi quattro o cinque anni e per attirare le grandi compagnie straniere sta modificando le condizioni dei contratti. Un discorso particolare è quello del gas: South Pars, che interessa anche il Qatar, è il giacimento più grande del mondo che, se messo a regime, potrebbe fornire il consumo annuale dell’Europa. Ma esportare il gas è più difficile del petrolio: servono pipeline e impianti di liquefazione. Sull’evoluzione del settore incideranno le valutazioni economiche ma soprattutto la geopolitica.

Fonte: Il Sole 24 ore – Alberto Negri (pag. 8)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]

Sanzioni Usa e caso Navalny, Nord Stream 2 torna nel mirino

Doppio attacco al Cremlino, nel pomeriggio di ieri. Il primo è partito dalla Casa Bianca nelle ultimissime ore dell’amministrazione Trump, che ha sganciato il suo siluro finale sul Nord Stream 2
[leggi tutto…]

UE, due bandi per progetti d’interesse comune

La Commissione europea ha aperto due call for applications per progetti nell'ambito delle reti intelligenti (“smart grids”) e delle reti per il trasporto della CO2 da far rientrare nel quinto elenco di progetti d'interesse comune &nd
[leggi tutto…]