Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa In Italia resta l’allarme sui costi energetici
05/11/2015 - Pubblicato in news nazionali

Due aziende lucchesi confermano che l’industria cartaria italiana è competitiva, ha un buon livello tecnologico e non teme la sfida della globalizzazione. E’ una buona notizia: significa che siamo in presenza di aziende sane, pronte a investire e a creare valore. I costi energetici pesano soprattutto sui conti delle cartiere, che tradizionalmente fanno largo uso di energia e quindi sono particolarmente esposte alla variabile energetica. L’associazione delle industrie cartarie Assocarta, poche settimane fa in occasione della fiera lucchese delle tecnologie Miac, è tornata a puntare il dito sul rischio che le aziende italiane trasferiscano l’attività fuori dall’Italia, a causa dei costi energetici che continuano a salire e che aumentano il divario con Germania, Svezia, Finlandia e Francia. Non è il caso, per il momento né di Sofidel né di Celtex. Ma il compito del governo è di aiutare le cartiere a fortificarsi in Italia, non a spingerle a delocalizzare l’attività in altri Paesi.

 

Fonte: Il Sole 24 ore, Impresa & territorio

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Un pieno di idrogeno

Spinta sull’idrogeno, decisivo a decarbonizzare il mondo
[leggi tutto…]

Sussidi ambientali, fra tagli e retromarce tutte le voci sotto tiro

In queste settimane il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, ha annunciato di voler rincarare l’accisa del gasolio per modificare il prezzo e rendere il diesel più costoso della benzina, perché ritenuto un sussidio dannoso per l&
[leggi tutto…]

Industria ceramica in allarme: <<Arrivano costi folli per la CO2>>

Cambiano e diventano più severe le regole europee per le emissioni di anidride carbonica dell’industria
[leggi tutto…]