Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa In Italia resta l’allarme sui costi energetici
05/11/2015 - Pubblicato in news nazionali

Due aziende lucchesi confermano che l’industria cartaria italiana è competitiva, ha un buon livello tecnologico e non teme la sfida della globalizzazione. E’ una buona notizia: significa che siamo in presenza di aziende sane, pronte a investire e a creare valore. I costi energetici pesano soprattutto sui conti delle cartiere, che tradizionalmente fanno largo uso di energia e quindi sono particolarmente esposte alla variabile energetica. L’associazione delle industrie cartarie Assocarta, poche settimane fa in occasione della fiera lucchese delle tecnologie Miac, è tornata a puntare il dito sul rischio che le aziende italiane trasferiscano l’attività fuori dall’Italia, a causa dei costi energetici che continuano a salire e che aumentano il divario con Germania, Svezia, Finlandia e Francia. Non è il caso, per il momento né di Sofidel né di Celtex. Ma il compito del governo è di aiutare le cartiere a fortificarsi in Italia, non a spingerle a delocalizzare l’attività in altri Paesi.

 

Fonte: Il Sole 24 ore, Impresa & territorio

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Eni rinnova il contratto per il gas dall’Algeria

L’Italia potrà contare sul gas algerino almeno fino al 2027
[leggi tutto…]

Trading gas in discesa al Psv

Nonostante le temperature inferiori alla media stagionale, il trading di gas al Punto di scambio virtuale (Psv) ha mostrato ad aprile la consueta battuta d’arresto primaverile
[leggi tutto…]

Aumenta l’export di gas USA nella UE

Le importazioni di gas naturale liquefatto (gnl) americano sono balzate del 272% da quando Trump e il Junker hanno segnato una tregua nel luglio 2018 prevedendo di potenziare gli scambi
[leggi tutto…]