Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’Italia pronta all’intervento in Libia “Guai a chi tocca il gasdotto dell’Eni”
19/01/2016 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

A causa di una serie di contrasti sorti durante la riunione che si è svolta a Tunisi sulla composizione dell’esecutivo e sul numero dei ministri. sono circa 10mila i soldati dell’Isis presenti in Libia. Nelle ultime settimane, l’Isis ha concentrato i propri attacchi sui principali terminal petroliferi della Libia. Nei giorni scorsi erano trapelate voci di un attacco alle installazioni dell’Eni smentite ieri dall’ad Claudio Descalzi, che ha parlato di scontri tra persone della stessa milizia al di fuori di Melitha. In questo contesto, il ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni aveva detto che l’Italia è pronta a collaborare in eventuali operazioni militari in Libia, se richiesto.

Fonte: Libero

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Mire cinesi sul gas Eni australiano

Arrivano dalla Cina i primi concreti segnali di interesse per gli asset australiani di Eni. Secondo indiscrezioni, tra i pretendenti c’è Roc Oil, quartier generale a Sidney ma azionariato cinese
[leggi tutto…]

UE, l'Est Europa chiede sostegno per il gas

Otto paesi UE hanno firmato venerdì un documento congiunto per difendere il “ruolo del gas naturale in un'Europa neutrale dal punto di vista climatico”
[leggi tutto…]

Non solo rinnovabili. La lezione da imparare per ripartire “verdi”

“E’ presto per calcolare gli impatti a lungo termine, ma l’industria dell’energia che uscirà da questa crisi sarà molto diversa da quella che conoscevamo”
[leggi tutto…]