Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’Italia pronta all’intervento in Libia “Guai a chi tocca il gasdotto dell’Eni”
19/01/2016 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

A causa di una serie di contrasti sorti durante la riunione che si è svolta a Tunisi sulla composizione dell’esecutivo e sul numero dei ministri. sono circa 10mila i soldati dell’Isis presenti in Libia. Nelle ultime settimane, l’Isis ha concentrato i propri attacchi sui principali terminal petroliferi della Libia. Nei giorni scorsi erano trapelate voci di un attacco alle installazioni dell’Eni smentite ieri dall’ad Claudio Descalzi, che ha parlato di scontri tra persone della stessa milizia al di fuori di Melitha. In questo contesto, il ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni aveva detto che l’Italia è pronta a collaborare in eventuali operazioni militari in Libia, se richiesto.

Fonte: Libero

Tag Clouds

 

Ultime notizie

“Gas fondamentale per la competitività. L’Italia giochi il suo ruolo in Europa”

Intervenendo al convegno organizzato da Assocarta e Confindustria Toscana Nord su “Gas, competitività e sostenibilità ambientale nell’industria italiana”  il manager si Sofidel Luigi Lazzeschi ha sottolineato come il P
[leggi tutto…]

Scoperta Eni nel Mare del nord

Eni, attraverso la controllata Var-Energy (Eni 69,6%) e Hitec Vision (30,4%) ha annunciato una scoperta di petrolio e gas nella licenza PL 869 nel Mare del Nord norvegese.
[leggi tutto…]

Eni, più petrolio e per compensare nascerà in Africa una superforesta

Il Piano industriale Eni da qui al 2022 prevede da un lato, l’aumento di petrolio e gas naturale estratti dai suoi giacimenti in giro per il mondo almeno del 3,5% all’anno.
[leggi tutto…]