Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’Italia pronta all’intervento in Libia “Guai a chi tocca il gasdotto dell’Eni”
19/01/2016 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

A causa di una serie di contrasti sorti durante la riunione che si è svolta a Tunisi sulla composizione dell’esecutivo e sul numero dei ministri. sono circa 10mila i soldati dell’Isis presenti in Libia. Nelle ultime settimane, l’Isis ha concentrato i propri attacchi sui principali terminal petroliferi della Libia. Nei giorni scorsi erano trapelate voci di un attacco alle installazioni dell’Eni smentite ieri dall’ad Claudio Descalzi, che ha parlato di scontri tra persone della stessa milizia al di fuori di Melitha. In questo contesto, il ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni aveva detto che l’Italia è pronta a collaborare in eventuali operazioni militari in Libia, se richiesto.

Fonte: Libero

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sanzioni Usa e caso Navalny, Nord Stream 2 torna nel mirino

Doppio attacco al Cremlino, nel pomeriggio di ieri. Il primo è partito dalla Casa Bianca nelle ultimissime ore dell’amministrazione Trump, che ha sganciato il suo siluro finale sul Nord Stream 2
[leggi tutto…]

UE, due bandi per progetti d’interesse comune

La Commissione europea ha aperto due call for applications per progetti nell'ambito delle reti intelligenti (“smart grids”) e delle reti per il trasporto della CO2 da far rientrare nel quinto elenco di progetti d'interesse comune &nd
[leggi tutto…]

Gas, scatta la maxi speculazione. In Europa volatilità da Bitcoin

Gas come il Bitcoin, condizioni senza precedenti quelle in cui è precipitato il mercato, con i vertiginosi rincari del Gnl in Asia che hanno innescato un’ estrema volatilità sugli hub europei
[leggi tutto…]