Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’Italia tra nuovi elettrodotti e interventi sui “colli di bottiglia”
25/09/2017 - Pubblicato in news nazionali

In Europa sono in servizio meno di una ventina di interconnessioni HVDC e circa una decina sono in fase di pianificazione. In Italia abbiamo il Saipei: un elettrodotto sottomarino da 1000MW che collega la Sardegna all’Italia; il Saicoi2 da 300 MW, sempre tra la Sardegna e penisola italiana; e l’elettrodotto sottomarino tra Italia e Grecia di potenza pari a 500 MW. Inoltre sono iniziati di recente i lavori di realizzazione del collegamento tra l’Italia e il Montenegro con l’Hvdc da 1000MW. Un’infrastruttura quest’ultima inserita dall’Ue tra i progetti prioritari a livello europeo. L’attuazione di questi progetti dovrebbe portare entro il 2020 la capacità di interconnessione al 12% mentre l’obiettivo del 15%entro il 2030 dovrebbe essere raggiunto con l’attuazione dei nuovi Pic. La Commissione europea ha però segnalato la necessità di migliorare la rete interna per eliminare i colli di bottiglia aumentando i livelli di sicurezza e flessibilità del sistema.

Fonte: La Repubblica, Affari&finanza – Vito de Ceglia (pag. 46)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]