Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’Italia mini-potenza petrolifera un tesoro da un miliardi di barili
11/04/2016 - Pubblicato in news nazionali

Le inchieste in Basilicata accendono i riflettori sul petrolio italiano. Secondo le stime Nomisma le riserve nascoste sono un terzo di quelle inglesi: nel 2015 estratti 5,8 milioni di tonnellate di greggio e 6,9 miliardi di metri cubi di gas, il 10% dei consumi interni. Oltre al petrolio, appunto, c’è il gas: nel complesso in Italia sono in vigore 201 concessioni, per un totale di 894 pozzi in produzione (695 estraggono metano e 199 petrolio). “Ci sono poi 7000 vecchi pozzi chiusi o mai sfruttati”, puntualizza Tabarelli di Nomisma. Dei pozzi in esercizio, 532 sono sulla terraferma e 362 in mare. Di questi ultimi, 250 sono sotto 92 piattaforme entro le 12 miglia, interessate al referendum del 17 aprile. Se vincerà la linea referendaria delle nove regioni che lo hanno promosso, non ci sarà che attendere la scadenza delle rispettive concessioni e poi chiuderli. “Si rischia di lasciare piombati sotto il fondo del mare almeno 6 miliardi di euro in idrocarburi, il valore di una finanziaria”, commenta Carlo Andrea Bollino, presidente dell’Aiee.

Fonte: La Repubblica, Affari&Finanza – Eugenio Occorsio (pag. 8)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Gas, ok Arera a seconda sessione aste capacità dall’Algeria

Le difficoltà degli operatori a ottenere i requisiti di partecipazione in tempo utile ha fatto sì che l’asta tenutasi lo scorso primo luglio per l’assegnazione di capacità gas dall’Algeria presso il punto di ent
[leggi tutto…]

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]