Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Per l’Italia in Iran focus su energia e trasporti
30/11/2015 - Pubblicato in news internazionali

«Un hub per raggiungere i mercati degli altri Paesi che circondano l’Iran». Il ministro iraniano dell’Industria, delle Miniere e del Commercio, Mohammad Reza Nematzadeh sintetizza così il ruolo economico a cui ambisce Teheran quando verranno tolte le sanzioni. E lo spiega ai 181 imprenditori «tra campioni nazionali e piccole medie imprese», come li ha definiti il viceministro allo Sviluppo economico Carlo Calenda, che ha guidato a Teheran la missione di Mise, Abi e Ice. Oltre alle aziende hanno partecipato anche 20 associazioni e 12 gruppi bancari.  Il messaggio è chiaro: l’Iran non vuole essere un semplice mercato di conquista, forte dei suoi 78 milioni di abitanti, ma ha bisogno di partnership e investimenti per crescere e svilupparsi, e a sua volta esportare. In questa direzione vanno i quattro memorandum d’intesa siglati domenica: due per il settore conceria, uno per il marmo e uno tra il museo di Roma Maxxi e il museo di Arte Contemporanea di Teheran. Nel primo caso si tratta di intese per la formazione tecnica e manageriale e l’ammodernamento tecnologico, mentre per il settore marmo del trasferimento di know-how e formazione tecnico-scientifica. Gli incontri che si stanno tenendo in questi giorni nella capitale iraniana, come il Summit internazionale sull’Oil&gas durante il quale c’è stata la prima presentazione pubblica del nuovo modello di contratto per gli investitori stranieri nel settore degli idrocarburi — meno penalizzante per le compagnie petrolifere — mostrano l’obiettivo di attrarre investimenti. Servono 30 miliardi di dollari per realizzare i 50 progetti nel petrolio e nel gas presentati ieri. In più, ha spiegato il ministro del Commercio Nematzadeh, Teheran ha varato un piano per i prossimi anni di «15 miliardi di dollari» nelle infrastrutture del Paese, dalle ferrovie agli aeroporti. Per il ministro iraniano le imprese italiane possono svolgere un ruolo importante e «farsi avanti» per collaborare in questo settore, date le loro conoscenze e capacità. «La nostra aspettativa da quest’incontro – ha detto – è che entrambe le parti possano sfruttare quest’occasione per creare investimenti comuni».

Fonte: Il Sole 24 ore, Impresa & Territorio – Micaela Cappellini (pag. 19)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

CO2, il balzo dei prezzi dei permessi di emissione nel 2019

Nel 2019 bastava un prezzo della CO2 di meno di 12 euro la tonnellata per rendere più conveniente la generazione a gas rispetto a quella a carbone. Nel 2019 il “prezzo” della CO2 (dei permessi Ets) è stato molto più alto,
[leggi tutto…]

Di Maio e tariffe gas Austria, interrogazione di Leu e +Europa a Conte

È urgente e fondamentale capire esattamente quale sia la posizione che il Governo italiano intende assumere rispetto al tema costi di importazione del gas naturale da altri paesi dell'Unione europea
[leggi tutto…]

Primi carichi di Gnl Usa respinti in Europa

L’Europa sembrava in grado di assorbire ogni eccesso di gas liquefatto
[leggi tutto…]