Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Per l’Italia il gas naturale può essere migliore dell’elettricità come carburante alternativo
13/10/2016 - Pubblicato in news nazionali

Le vetture alimentate da benzina, diesel e biocarburanti tradizionali sono arrivate ad un punto di limite tecnologico e non saranno più in grado di soddisfare le richieste sempre più stringenti dell’Ue e mondiali per il contenimento delle emissioni inquinanti. Non è ancora chiaro quanto il carburante del futuro sarà in grado di sostituire quelli tradizionali ma recentemente l’attenzione si sta spostando dall’auto elettrica a favore di altre soluzioni tecnologiche quali Cng (Compressed Natural Gas) che rappresenta una alternativa per la mobilità sostenibile. L’uso del metano ha in effetti molti vantaggi: performance allineate a quelle dei carburanti tradizionali, economicità dell’utilizzo superiore a quella del diesel, sostenibilità ecologica, e impatto complessivo sull’ambiente equivalente alla trazione elettrica. Alcuni cambiamenti sono in corso anche a livello normativa in quanto l’Italia sta recependo la normativa europea Dafi e che contribuirà a ridurre le differenze di trattamento tra elettrico e metano riconoscendo quest’ultimo come carburante ecologico al pari dell’energia elettrica. Un contributo dovrebbe arrivare da chi il metano lo vende, cioè produttori e trasportatori.

Fonte: MF – Andrea Isabella (pag. 16)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sussidi ambientali, fra tagli e retromarce tutte le voci sotto tiro

In queste settimane il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, ha annunciato di voler rincarare l’accisa del gasolio per modificare il prezzo e rendere il diesel più costoso della benzina, perché ritenuto un sussidio dannoso per l&
[leggi tutto…]

Industria ceramica in allarme: <<Arrivano costi folli per la CO2>>

Cambiano e diventano più severe le regole europee per le emissioni di anidride carbonica dell’industria
[leggi tutto…]

Cipro, il fronte del mare. Così la corsa al gas accende incubi di guerra

Dalla scoperta del gas nel 2011 l’isola di Cipro è sempre di più il terreno di confronto tra sfidanti ben più potenti dei suoi residenti, divisi  da una linea di demarcazione da oltre cinquanta anni, turco-ciprioti e greco-
[leggi tutto…]