Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Italgas, piano da 4 miliardi di investimenti. La spinta sulla rete e la digitalizzazioni
14/06/2018 - Pubblicato in news internazionali

Tre grandi focus: lo sviluppo della rete per continuare ad ampliarla e ammodernarla; una spinta decisa sulla digitalizzazione; un ulteriore upside attraverso nuove acquisizioni. Davanti alla comunità finanziaria, l’ad di Italgas Gallo ha tratteggiato i binari del piano strategico 2018-2024 che prevede quattro miliardi di investimenti (il 30% in più della strategia precedente), in attesa che ripartano le gare per la distribuzione, su cui comunque l’azienda è pronta a mettere in pista altri 1,6 miliardi di euro di impegno complessivo. “Ci sono due elementi importanti nel piano rispetto al 2017: il primo è la capacità di crescita indipendentemente dalle gare con un ammontare significativo di investimenti che faranno avanzare la Rab (il capitale investito netto ai fini regolatori) a un tasso medio annuo del 3,2% (7,3 miliardi a fine piano a fronte dei 5,8 miliardi del 2017)”. Il secondo invece è la digitalizzazione: il piano prevede 800 milioni investimenti che serviranno per concludere l’installazione degli smart meter, i contatori di ultima generazione.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza&Mercati – Celestina Dominelli (pag. 17)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Eni, più petrolio e per compensare nascerà in Africa una superforesta

Il Piano industriale Eni da qui al 2022 prevede da un lato, l’aumento di petrolio e gas naturale estratti dai suoi giacimenti in giro per il mondo almeno del 3,5% all’anno.
[leggi tutto…]

Crisi climatica, un allarme insufficiente

Il Climate Change Performance Index (CCPI), un indicatore messo a punto congiuntamente da Germanwatch, NewClimate Institute e Climate Action Network, consente di valutare le politiche energetico-climatiche dei singoli paesi
[leggi tutto…]

Gas, mercato libero e accise: l'audizione di Eni sul Pec

In occasione dell'audizione su Sen e Piano Energia e Clima, Eni ha caldeggiato un approccio sinergico basato sulla cooperazione delle fonti in cui “la scelta delle migliori soluzioni viene lasciata al mercato”.
[leggi tutto…]