Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Italgas dovrà crescere a colpi di concessioni
26/10/2016 - Pubblicato in aspetti tecnici,news nazionali

Dopo la presentazione di lunedì 24, analisti al lavoro su Italgas che si appresta al ritorno in borsa dopo 13 anni di assenza attraverso un’operazione di spin off della controllante Snam. Kepler Cheuvreux (target price a 4,5 euro) stima per quest’anno ricavi per 1,406 miliardi, ebitda di 651 milioni con un margine al 62,3%, una leva finanziaria con un ebit/rab al 6,5% e un debito netto di 3,738 miliardi. La società prevede di riservare 1,3 miliardi a nuove acquisizioni e destinare 0,9 miliardi di euro al rinnovo delle concessioni, con effetti visibili dopo il 2020. La realizzazione degli obiettivi consentirebbe all’azienda di portare la quota di mercato dal 30 al 40% prospettando, secondo Equita, una rab (regulatory asset base) a 7,2 miliardi al 2021, con cagr del 4,7%. Quanto ai dividendi, si attendono maggiori dettagli tra sei mesi ma Italgas prevede per quest’anno una distribuzione di 0,2 euro per azione, con una crescita a bassa singola cifra nel prossimo biennio. Equita si è definita «conservativa» sulle stime su Italgas e ha prospettato per l’azionista Snam (prezzo obiettivo a 5,3 euro) una crescita del dividendo 2017-2018 di poco superiore al 2,1% stimato.

Fonte: MF – Nicola Carosielli (pag. 15)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Carbone, il Far East traina la domanda

Il commercio mondiale di carbone continua a correre sfruttando la spinta del sud-est asiatico alla ricerca di fonti di energia a prezzi bassi.
[leggi tutto…]

“Gas fondamentale per la competitività. L’Italia giochi il suo ruolo in Europa”

Intervenendo al convegno organizzato da Assocarta e Confindustria Toscana Nord su “Gas, competitività e sostenibilità ambientale nell’industria italiana”  il manager si Sofidel Luigi Lazzeschi ha sottolineato come il P
[leggi tutto…]

Scoperta Eni nel Mare del nord

Eni, attraverso la controllata Var-Energy (Eni 69,6%) e Hitec Vision (30,4%) ha annunciato una scoperta di petrolio e gas nella licenza PL 869 nel Mare del Nord norvegese.
[leggi tutto…]