Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa “Italgas cresce senza aspettare le gare”
06/11/2017 - Pubblicato in news nazionali

A prima vista potrebbero sembrare operazioni di piccolo cabotaggio. Due acquisizioni che poco spostano gli equilibri nel settore della distribuzione locale del gas. Invece, nella lettura che ne danno gli addetti ai lavori è diversa: sono i sassolini che lasciati correre lungo il pendio possono provocare una frana. E cambiare il panorama. A muovere lo scenario è il gruppo Italgas. Nell’ultimo mese ha prima rilevato Enerco Distribution (il 19 ottobre): per un enterprise value pari a 51 milioni, si è assicurata 27 concessioni in provincia di Padova e Vicenza, con oltre 800 chilometri di condotte e circa 30 mila utenze. La scorsa settimana è stata la volta di Amalfitana Gas, 12 concessioni per un totale di oltre 22mila utenze servite e oltre 300 chilometri di rete. In questo caso, la valorizzazione è stata stabilita in 18,5 milioni. Di operazioni di questo tipo se ne vedranno molte nei prossimi mesi. Anche di dimensioni più grandi. Lo dimostra la gara appena aggiudicata per gli asset di Gas Natural. Perché il settore della distribuzione locale del gas è in pieno fermento e sta evolvendo verso il livello medio di concentrazione che si trova nel resto d’Europa.  

Fonte: La Repubblica, Affari & Finanza – Luigi Pagni (pag. 23)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Gas, ok Arera a seconda sessione aste capacità dall’Algeria

Le difficoltà degli operatori a ottenere i requisiti di partecipazione in tempo utile ha fatto sì che l’asta tenutasi lo scorso primo luglio per l’assegnazione di capacità gas dall’Algeria presso il punto di ent
[leggi tutto…]

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]