Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Italgas, 620 milioni per i contatori
13/10/2016 - Pubblicato in news nazionali

La quotazione, o meglio il ritorno a Piazza Affari dopo lo spin-off dalla controllante Snam , è fissato per il mese di novembre, mentre il via libera da parte di Borsa Italiana e di Consob al progetto e ai prospetti è atteso per fine ottobre. Ma nel frattempo la società presieduta da Lorenzo Bini Smaghi e guidata dall’amministratore delegato Paolo Gallo sta già lavorando ai processi industriali da implementare. E una delle priorità è l’installazione dei nuovi contatori digitali (o smart meters) che arriveranno sul mercato nei prossimi mesi. Un progetto che prevede un investimento complessivo di 620 milioni e che vedrà Italgas andare anche alla ricerca di linee di credito e alleati di natura finanziaria. Per questo, i vertici dell’azienda torinese hanno bussato alla porta della Banca Europea degli Investimenti chiedendo la possibilità di ottenere un finanziamento. Al momento le carte sono ancora allo studio dell’istituzione finanziaria che ha in Dario Scannapieco uno dei vicepresidenti. Ma è ipotizzabile che entro la fine di quest’anno, probabilmente a ridosso del Natale, possa arrivare l’ok alla richiesta di liquidità, quindi dopo che la società sarà tornata sul listino. Sul piatto c’è una cifra vicina ai 300 milioni, ossia poco meno della metà dell’investimento totale definitivo da Italgas.

Fonte: MF – Andrea Montanari (pag. 10)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Petrolio, i Paesi del G7 chiedono la fine della guerra dei prezzi

Preoccupati per la discesa del prezzo del petrolio, ma soprattutto per la guerra dei prezzi in corso, i Paesi del G/ hanno rivolto un appello ai maggiori Paesi produttori “per cercare di aiutare gli sforzi per mantenere la stabilità economica
[leggi tutto…]

Snam guarda agli Emirati e valuta il dossier Adnoc

I piani di crescita di Snam potrebbero condurla sino in Medio Oriente
[leggi tutto…]

Il crac dello shale oil minaccia il mercato corporate mondiale

E’ nelle pianure del Texas la miccia che potrebbe far esplodere la bomba del debito corporate
[leggi tutto…]