Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’Iran vende petrolio a Saras e Iplom
12/06/2016 - Pubblicato in news internazionali

Secondo quanto ha riferito l’agenzia governativa Irna, il governo di Teheran ha firmato una serie di accordi commerciali per la vendita di petrolio a compagnie in Italia, Grecia e Spagna. La notizia è arrivata direttamente dal responsabile per gli affari internazionali della compagnia petrolifera nazionale iraniana: gli acquirenti sono la spagnola Repsol, la greca Hellenic Petroleum e per l’Italia le società Saras e Iplom. Non sono state comunicate le quantità di greggio acquistate. Anche se l’Europa rimane un interlocutore commerciale importante per le esportazioni iraniane, il Vecchio Continente deve ormai rassegnarsi a svolgere un ruolo secondario: al primo posto si è insediata l’Asia, grazie agli acquisti dei grandi colossi come Cina, India, Corea del Sud ed il Giappone. Il ritorno dell’Iran nel campo dell’economia europea è sostenuta anche da Bruxelles, come ha spiegato Federica Mogherini, l’Alta rappresentante della Ue per gli Affari esteri, intervenendo al convegno dei giovani di Confindustria a Santa Margherita ligure: “l’Iran guarda all’Europa per connettersi al mondo. Stiamo lavorando perché possa aggiungersi al Wto[…]”.

Fonte: La Repubblica, Economia – L.P. (pag. 20)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]

Trivellazioni a largo di Cipro. Braccio di ferro tra UE e Erdogan

Acque agitate al largo di Cipro, dove Ankara sta portando avanti da giorni trivellazioni per la ricerca di idrocarburi. Ieri, dopo una settimana di avvertimenti, la Ue ha stabilito un primo round di sanzioni politiche ed economiche alle quali Ankara ha re
[leggi tutto…]