Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Non c’è intesa nell’Opec. Il petrolio verso i 35 dollari
29/11/2016 - Pubblicato in news internazionali

Taglio della produzione di un milione di barili al giorno o crollo del prezzo. Il vertice dell’Opec che si apre domani a Vienna farà da spartiacque. In caso di mancato accordo tra i Paesi produttori si rischia un tracollo ulteriore del costo del petrolio. Ieri, l’incertezza regnava sovrana, ma visto il clima degli ultimi giorni è già un mezzo successo. Le prime voci di un fallimento dell’incontro austriaco circolate per tutto il fine settimana avevano fatto precipitare il prezzo del greggio. Gli analisti hanno quantificato il costo di un eventuale esito negativo dell’appuntamento  di domani: «Si può finire sotto ai quaranta dollari», ha spiegato Helima Croft, responsabile della strategia globale sulle materie prime di Rbc Capital Markets. Altri si spingono oltre: addirittura «verso i 30 dollari al barile», ha detto Stuart Ive, client manager di Om Financial. Poi, però, alcune dichiarazioni dei partecipanti sbarcati a Vienna hanno iniettato una flebile speranza. Grande rilevanza è stata attribuita alle parole del ministro del petrolio dell’Iraq, Jabbar al-Luaibi, che al suo arrivo ha detto: «Speriamo di arrivare ad un accordo. L’Iraq coopererà per raggiungere un’intesa». L’Iraq è uno dei Paesi che hanno creato più problemi all’accordo, così, queste parole di ottimismo hanno avuto effetto immediato: a Wall Street il greggio ha guadagnato 1,28 dollari.

Fonte: La Stampa – Francesco Olivo (pag. 25)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]

Sanzioni Usa e caso Navalny, Nord Stream 2 torna nel mirino

Doppio attacco al Cremlino, nel pomeriggio di ieri. Il primo è partito dalla Casa Bianca nelle ultimissime ore dell’amministrazione Trump, che ha sganciato il suo siluro finale sul Nord Stream 2
[leggi tutto…]

UE, due bandi per progetti d’interesse comune

La Commissione europea ha aperto due call for applications per progetti nell'ambito delle reti intelligenti (“smart grids”) e delle reti per il trasporto della CO2 da far rientrare nel quinto elenco di progetti d'interesse comune &nd
[leggi tutto…]