Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Intervista a Marco Alverà: “Clima, non solo cattive notizie. Sull’idrogeno possiamo essere leader. Taranto? Investiamo”
23/12/2019 - Pubblicato in news nazionali

Snam è una tra le principali società europee attive nel trasporto, stoccaggio e rigassificazione del mercato. Il gas è considerato a livello internazionale la fonte della transizione energetica, ma Alverà guarda avanti e scommette anche su idrogeno e gas green. Con i progressi tecnologici – dichiara l’ad di Snam – nei prossimi dieci anni l’idrogeno potrà costare meno del petrolio. Oggi il metano è più competitivo del petrolio, grazie allo shale gas americano e alle grandi oil companies che hanno fatto scoperte di successo in aree prima inesplorate. Così nei trasporti, benzina e diesel possono essere sostituiti dal gas senza troppi interventi. Gradualmente molti mezzi di trasporto potranno essere trasformati a metano, che oltre a essere più economico, emette meno Co2 e sostanzialmente non genera inquinanti. Sull’idrogeno, l’Italia può esprimere molte delle sue forze. Con il sole si può creare idrogeno fatto da rinnovabili e i prezzi stanno scendendo velocemente. Nel 2010 costava 710 dollari per megawattora, oggi siamo a 125 dollari e si potrà arrivare a 25 dollari. L’idrogeno da rinnovabili può dare un enorme contributo alla decarbonizzazione ed essere al tempo stesso competitivo. L’idrogeno infatti potrebbe arrivare a coprire quasi un quarto della domanda nazionale di energia entro il 2050 in uno scenario di decarbonizzazione al 95%. Il maggior potenziale di utilizzo di idrogeno riguarda il settore dei trasporti pesanti, quello residenziale soprattutto per il riscaldamento e alcune applicazioni industriali, come la raffinazione e la produzione di ammoniaca o la produzione di acciaio. Infine l’idrogeno potrà raggiungere le automobili , che ad avviso di Alverà, sono un punto di arrivo e non di partenza. Il vantaggio dell’idrogeno per la decarbonizzazione consiste nel fatto che può essere prodotto da fonti rinnovabili mantenendo i benefici di costo e di facilità di utilizzo dei combustibili attuali perché può utilizzare le infrastrutture esistenti. Se infatti l’Ue rendesse obbligatoria una quota fissa di idrogeno nelle reti, questo contribuirebbe a creare in modo veloce una maggior domanda in attesa che si sviluppino auto, camion e caldaie. Per Taranto Snam sta investendo 40 milioni: la città può essere per Snam un candidato ideale per la costruzione di un deposito in piccola scala di Lng (gas liquido) perché c’è il porto. Snam pensa anche a infrastrutture per alimentare a metano mezzi pubblici e privati o a un potenziale impianto a biometano per riutilizzare i rifiuti in ottica di economia circolare.

Fonte: Il Corriere della Sera- L’Economia – Francesca Basso (pag. 12)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]