Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Intervista a Fatih Birol: "Petrolio, giusto riunire il G20, se crolla il settore per danni per tutti"
08/04/2020 - Pubblicato in news internazionali

Produttori e consumatori di petrolio allo stesso tavolo per evitare “nell’interesse di tutti il tracolo del settore”. A questo servirà la riunione d’urgenza del G20 Energia, convocato per venerdì, all’indomani del vertice Opec. Fatih Birol, direttore dell’Aie rivendica la paternità dell’idea di convocare il G20 e allude alla possibilità di un accordo sui tagli di produzione con il contributo anche degli Usa. Nell’intervista spiega che il crollo dell’industria dell’Oil&Gas sarebbe un grande pericolo per l’economia globale. Non solo per i Paesi produttori ma anche per quelli che lo importano. I Paesi importatori spiega Birol come molti Paesi europei, India e Cina, hanno capacità di stoccaggio: ora che i prezzi sono così bassi potrebbero comprare un po' di greggio per i rainy days del futuro. E per i Paesi che non hanno abbastanza spazio negli stoccaggi, come l’Italia, ci sono altre opzioni, come le petroliere. E chi proprio non può – dichiara Birol – basta che offra il suo sostegno politico. “L’Italia ha una delle maggiori compagnie petrolifere del mondo, che risente della situazione. Avete anche molte raffinerie, stazioni di rifornimento. Questo è un problema di tutti, non riguarda solo l’industria petrolifera”. Intanto avverte che gli Usa hanno concordato con Birol e con l’Arabia Saudita che fosse opportuno riunire il G20.

Fonte: Il Sole 24 Ore- Sissi Bellomo (pag. 7)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Intervista a Claudio Descalzi (ceo Eni): “ A Ravenna il più grande hub della C02 al mondo”

Descalzi spiega come l’emergenza del coronavirus abbia imposto un’accelerazione sulla trasformazione energetica: “dobbiamo definitivamente allontanarci dalla volatilità delle fluttuazione del prezzo del petrolio che ci sta bloccan
[leggi tutto…]

Nell’Oil&Gas l’imperativo è cambiare pelle

Non ci sono soltanto le società americane dello shale oil ad accusare il colpo della crisi, basti pensare alle svalutazioni anticipate da BP, che potrebbero raggiungere 19,5 miliardi nel secondo trimestre
[leggi tutto…]

Energia, Patuanelli e Confindustria <<Avanti investimenti e taglio costi>>

Un impulso alla transizione energetica. Con il via libera da parte del Governo a misure che potranno ridurre il nostro gap di costi nei confronti degli altri paesi, a cominciare dai settori gasivori.
[leggi tutto…]