Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’impatto del prezzo del petrolio
18/12/2015 - Pubblicato in news internazionali

Nonostante il crollo dei prezzi, da oltre 115 dollari alla fine di novembre 2015, la maggior parte dei modelli macroeconomici suggerisce che l’impatto sulla crescita globale è stato inferiore rispetto a quanto previsto – forse lo 0,5% del Pil mondiale. La buona notizia è che questo effetto positivo  ma modesto sulla crescita probabilmente non cesserà nel 2016. La cattiva notizia è che i prezzi bassi creeranno ancora maggiori tensioni sui principali paesi esportatori di petrolio. La recente diminuzione dei prezzi del petrolio è pari al calo trainato dall’offerta nel 1985-1986, quando i membri dell’Opec hanno deciso di invertire i tagli alle forniture per riconquistare quote di mercato. Tra le ragioni il rallentamento della Cina che sta spostando gli equilibri verso il consumo interno e le nuovi fonti di approvvigionamento di petrolio. La rivoluzione dello shale ha fatto salire la produzione di petrolio americano da cinque milioni di barili al giorno nel 2008 a 9,3 milioni di barili nel 2015. Anche l’anticipazione della produzione petrolifera iraniana post-sanzioni ha colpito i mercati.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Commenti e Inchieste ​

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Saipem trova il tris in Australia

Due notizie hanno aiutato Saipem nella risalita in borsa di ieri, che ha visto il titolo chiudere a 3,86€ con un guadagno del 2,4%.
[leggi tutto…]

“Blocca trivelle”, l'impatto sulle attività upstream

In attesa che la maggioranza di Governo prenda una decisione sul cosiddetto “blocca trivelle”, è importante mettere a fuoco i riflessi che le misure restrittive che si vorrebbero adottare potrebbero avere sulle attività upst
[leggi tutto…]

Non solo Tap: il gas dell’Est all’assalto della Puglia

Non si è ancora sopita la polemica contro il Tap, che già si profilano altri gasdotti in Puglia.
[leggi tutto…]