Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Idrogeno verde, per la competitività servono 150 mld $ in 10 anni
31/03/2020 - Pubblicato in news internazionali

L'idrogeno verde, prodotto per elettrolisi dall'acqua attraverso elettricità da fonte rinnovabile, è una strada promettente, ma per renderlo economicamente sostenibile – con un costo di un dollaro al kg – servono incentivi pubblici per un totale di 150 miliardi di dollari in dieci anni. Sono le conclusioni cui giunge uno studio di Bloomberg New Energy Finance (Bnef). Con 150 miliardi di dollari che, sottolinea Bnef, sono meno della metà dell'importo attualmente speso per sussidi ai combustibili fossili, il costo di produzione dell'idrogeno “verde” sarebbe dimezzato. Una cifra, aggiungiamo, paragonabile, per ordine di grandezza, a quella impiegata dall'Italia per incentivare il fotovoltaico con il Conto energia. Il costo della tecnologia per l'elettrolisi, sottolinea il rapporto, è diminuito del 40% negli ultimi cinque anni in Europa e Nord America, mentre i sistemi di fabbricazione cinese sono più economici dell'80% rispetto a quelli occidentali. Nel 2050, si legge ancora, il costo di produzione potrebbe persino scendere a 0,8-1,6 dollari nella maggior parte del mondo, portando l'idrogeno verde al livello di competitività con il gas.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sussidi ambientali, fra tagli e retromarce tutte le voci sotto tiro

In queste settimane il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, ha annunciato di voler rincarare l’accisa del gasolio per modificare il prezzo e rendere il diesel più costoso della benzina, perché ritenuto un sussidio dannoso per l&
[leggi tutto…]

Industria ceramica in allarme: <<Arrivano costi folli per la CO2>>

Cambiano e diventano più severe le regole europee per le emissioni di anidride carbonica dell’industria
[leggi tutto…]

Cipro, il fronte del mare. Così la corsa al gas accende incubi di guerra

Dalla scoperta del gas nel 2011 l’isola di Cipro è sempre di più il terreno di confronto tra sfidanti ben più potenti dei suoi residenti, divisi  da una linea di demarcazione da oltre cinquanta anni, turco-ciprioti e greco-
[leggi tutto…]