Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Greggio volatile, l’accordo non convince
30/09/2016 - Pubblicato in news internazionali

Subito dopo aver annunciato mercoledì un’intesa preliminare per tagliare la produzione, le quotazioni dei contratti futures sul greggio hanno guadagnato il 6%. Ieri durante gli scambi il trend sembrava continuare. In una seduta caratterizzata dalla volatilità, la qualità Brent è così salita fino a 49,81 dollari al barile, mettendo a segno un rialzo di oltre il 2% ma ha poi chiuso la seduta con un aumento solo lieve, rispetto a mercoledì a 49,24. E’ ancora presto per dire se la fiammata si è già spenta ma le incognite che pesano sull’intesa dell’Opec – un taglio produttivo tra 300 mila e 700 mila barili al giorno da finalizzare alla fine di novembre – sono molte. E mentre Iran e Arabia Saudita sembrano aver trovato un’intesa, un altro potente membro del Cartello frena contro il taglio dei tetti produttivi: l’Iraq ha già fatto sapere che la quota produttiva che gli dovrebbe essere assegnata sarebbe scorretta perché troppo bassa.

Fonte: Il Sole24Ore – R. Bon. (pag. 2)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Tariffe gas Germania, Crippa: “Rischio alterazione concorrenza”

Il Governo prende posizione sulla spinosa questione della tariffe di trasporto gas tedesche
[leggi tutto…]

Trasporto gas, Francia proroga tariffe ai punti di interconnessione

L'authority francese per l'energia, Cre, ha stabilito di prorogare di sei mesi la validità delle tariffe di trasporto gas ai punti di interconnessione delle reti transalpine di GRTgaz e Terega (Snam)
[leggi tutto…]

Eni rinnova il contratto per il gas dall’Algeria

L’Italia potrà contare sul gas algerino almeno fino al 2027
[leggi tutto…]