Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il greggio scende ma stavolta non è colpa di Trump né dello “shale oil”
26/06/2017 - Pubblicato in news internazionali

La rivoluzione tecnologica del fracking e delle trivellazioni orizzontali ha reso economicamente redditizio sfruttare i giacimenti americani che un tempo erano troppo costosi. La previsione di molteplici fallimenti nell’industria energetica Usa con un petrolio così basso si è rivelata erronea. La marcia degli Stati Uniti verso l’autosufficienza energetica procede. Hanno superato Arabia Saudita e Russia come produttori complessivi di energia.

Fonte: La Repubblica, Affari&finanza – Federico Rampini (pag. 13)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Eni rinnova il contratto per il gas dall’Algeria

L’Italia potrà contare sul gas algerino almeno fino al 2027
[leggi tutto…]

Trading gas in discesa al Psv

Nonostante le temperature inferiori alla media stagionale, il trading di gas al Punto di scambio virtuale (Psv) ha mostrato ad aprile la consueta battuta d’arresto primaverile
[leggi tutto…]

Aumenta l’export di gas USA nella UE

Le importazioni di gas naturale liquefatto (gnl) americano sono balzate del 272% da quando Trump e il Junker hanno segnato una tregua nel luglio 2018 prevedendo di potenziare gli scambi
[leggi tutto…]