Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il greggio scende ma stavolta non è colpa di Trump né dello “shale oil”
26/06/2017 - Pubblicato in news internazionali

La rivoluzione tecnologica del fracking e delle trivellazioni orizzontali ha reso economicamente redditizio sfruttare i giacimenti americani che un tempo erano troppo costosi. La previsione di molteplici fallimenti nell’industria energetica Usa con un petrolio così basso si è rivelata erronea. La marcia degli Stati Uniti verso l’autosufficienza energetica procede. Hanno superato Arabia Saudita e Russia come produttori complessivi di energia.

Fonte: La Repubblica, Affari&finanza – Federico Rampini (pag. 13)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Gas, ok Arera a seconda sessione aste capacità dall’Algeria

Le difficoltà degli operatori a ottenere i requisiti di partecipazione in tempo utile ha fatto sì che l’asta tenutasi lo scorso primo luglio per l’assegnazione di capacità gas dall’Algeria presso il punto di ent
[leggi tutto…]

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]