Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Greggio, a rischio il 30% di produzione nazionale
18/04/2017 - Pubblicato in news nazionali

Il rischio che chiuda il Centro Olio di Viggiano e il conseguente stop produttivo del giacimento petrolifero lucano della Val d’Agri incombe su Eni con il possibile crollo della produzione nazionale di idrocarburi che, tenuto conto del graduale esaurimento dei giacimenti non compensati da nuove attività di esplorazione in Italia, rischia di essere drammatico per gli effetti economici che potrebbe comportare. Lo scorso anno il blocco della produzione portò a un calo del 30% della prodizione su scala nazionale, con conseguenze, per i mancati introiti della royalties, su Pil, occupazione, tassazione, soprattutto in Basilicata. Questa volta il fermo è il risultato di una delibera della Giunta regionale della Basilicata. In seguito ai controlli della Provincia di Potenza  e dell’Arpab è stata evidenziata  la migrazione della contaminazione, causata dallo sversamento dei serbatoi Cova di Viaggiano, e a fronte di inadempienze e ritardi da parte di Eni rispetto alle prescrizioni regionali.

Fonte: Il Sole 24Ore – Impresa&Territori - Luigia Ierace, Domenico Palmiotti (pag. 9)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Saipem trova il tris in Australia

Due notizie hanno aiutato Saipem nella risalita in borsa di ieri, che ha visto il titolo chiudere a 3,86€ con un guadagno del 2,4%.
[leggi tutto…]

“Blocca trivelle”, l'impatto sulle attività upstream

In attesa che la maggioranza di Governo prenda una decisione sul cosiddetto “blocca trivelle”, è importante mettere a fuoco i riflessi che le misure restrittive che si vorrebbero adottare potrebbero avere sulle attività upst
[leggi tutto…]

Non solo Tap: il gas dell’Est all’assalto della Puglia

Non si è ancora sopita la polemica contro il Tap, che già si profilano altri gasdotti in Puglia.
[leggi tutto…]