Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Greggio, a rischio il 30% di produzione nazionale
18/04/2017 - Pubblicato in news nazionali

Il rischio che chiuda il Centro Olio di Viggiano e il conseguente stop produttivo del giacimento petrolifero lucano della Val d’Agri incombe su Eni con il possibile crollo della produzione nazionale di idrocarburi che, tenuto conto del graduale esaurimento dei giacimenti non compensati da nuove attività di esplorazione in Italia, rischia di essere drammatico per gli effetti economici che potrebbe comportare. Lo scorso anno il blocco della produzione portò a un calo del 30% della prodizione su scala nazionale, con conseguenze, per i mancati introiti della royalties, su Pil, occupazione, tassazione, soprattutto in Basilicata. Questa volta il fermo è il risultato di una delibera della Giunta regionale della Basilicata. In seguito ai controlli della Provincia di Potenza  e dell’Arpab è stata evidenziata  la migrazione della contaminazione, causata dallo sversamento dei serbatoi Cova di Viaggiano, e a fronte di inadempienze e ritardi da parte di Eni rispetto alle prescrizioni regionali.

Fonte: Il Sole 24Ore – Impresa&Territori - Luigia Ierace, Domenico Palmiotti (pag. 9)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Riad: <<Chi punta contro il petrolio si farà male>>

Da un lato la domanda di petrolio che fatica a recuperare i livelli pre Covid, dall’altro le disciplina sui tagli di produzione che dopo mesi di estremo rigore è tornata a vacillare.
[leggi tutto…]

Ets, assegnazioni gratuite nel mirino

Tempo di ripensamenti per le allocazioni gratuite Ets, il sistema disegnato per contrastare la rilocalizzazione delle industrie europee al di fuori della Ue a causa dei costi della CO2
[leggi tutto…]

Transizione energetica non indolore

L’energia è al centro delle politiche dell’Unione europea, negli anni integrata dall’ambiente
[leggi tutto…]