Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Greggio, Mosca apre ai tagli
14/01/2016 - Pubblicato in news internazionali

Dopo le cadute in picchiata dei giorni scorsi che avevano portato ieri le quotazioni ai minimi da 12 anni, il petrolio risale sopra i 31 dollari ma arriva un allarme da Mosca.  "E' necessario prepararsi al peggio se i prezzi del petrolio dovessero scendere ancora", ha detto il premier russo Dmitri Medvedev. "Le possibilità dello Stato non sono infinite". Medvedev ha poi sottolineato che la classe media "si è impoverita" ma che la crisi è "ben lontana" dai livelli del 1998. Il rischio, ha aggiunto, è che il Paese entri in "depressione", dalla quale "è altrettanto difficile uscire che da una crisi". Intanto il Cremlino ha ordinato degli 'stress test' tenendo conto di tre scenari: il petrolio a 25 dollari al barile, a 35 e a 45. Lo riporta Rt. La tenuta dei conti, per il 2016, era basata su un prezzo fissato intorno ai 50 dollari al barile.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Sissi Bellomo (pag.2)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]