Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il greggio azero riconquista la leadership dell’import
08/01/2018 - Pubblicato in news internazionali

Il dato, per la verità, era già emerso nei mesi scorsi con l’Azeri light che aveva recuperato la leadership dei flussi di greggio importati in Italia. E, nell’ultima fotografia scattata dall’Unione Petrolifera, il preconsuntivo 2017 presentato nelle scorse settimane, quel primato si è andato consolidando e l’Azerbaijan è tornato a essere il principale paese fornitore per la penisola. Da lì, infatti, è arrivato il 19% del greggio lavorato in Italia, seguito dall’Iran (13,4%), cresciuto moltissimo dopo i primi arrivi iniziati con continuità dall’estate scorsa, e dall’Iraq (12,8%), che, nel 2016, aveva invece guadagnato la vetta proprio a scapito del greggio azero, davanti a tutti anche nel 2015. In netto recupero, poi, gli arrivi dal Medio Oriente (+20% nel 2017 rispetto all’anno prima), per via della spinta proveniente soprattutto dall’Iran: con un peso di oltre il 41%, l’intera area rappresenta il primo mercato di approvvigionamento italiano. Alle spalle, i paesi dell’ex Urss (+6,4%) con un’incidenza del 35 per cento, mentre sono calati gli arrivi dall’Africa (-9,6%), nonostante il buon recupero della Libia. L’Italia conferma così l’ampia diversificazione delle fonti di approvvigionamento anche per il greggio.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Celestina Dominelli (pag. 21)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

“Gas fondamentale per la competitività. L’Italia giochi il suo ruolo in Europa”

Intervenendo al convegno organizzato da Assocarta e Confindustria Toscana Nord su “Gas, competitività e sostenibilità ambientale nell’industria italiana”  il manager si Sofidel Luigi Lazzeschi ha sottolineato come il P
[leggi tutto…]

Scoperta Eni nel Mare del nord

Eni, attraverso la controllata Var-Energy (Eni 69,6%) e Hitec Vision (30,4%) ha annunciato una scoperta di petrolio e gas nella licenza PL 869 nel Mare del Nord norvegese.
[leggi tutto…]

Eni, più petrolio e per compensare nascerà in Africa una superforesta

Il Piano industriale Eni da qui al 2022 prevede da un lato, l’aumento di petrolio e gas naturale estratti dai suoi giacimenti in giro per il mondo almeno del 3,5% all’anno.
[leggi tutto…]