Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Greggi in forte calo dopo Brexit
28/06/2016 - Pubblicato in news internazionali

All'indomani dell'esito affermativo del referendum sull'uscita della Gran Bretagna dall'Ue, la cosiddetta Brexit, le quotazioni dei futuri sui greggi hanno perso circa due dollari e mezzo, sia sulla piazza di Londra che su quella di New York. Il contratto di agosto sul Brent è sceso a 48, 41 dollari al barile (-2,5); quello sul Wti a 47,64 $/b (-2,47). Più contenute le perdite del paniere Opec, che ha chiuso la seduta di venerdì in calo di 1,28 dollari a 44,88. Il vice ministro russo con delega all'energia Alexei Texler si aspetta che il mercato del petrolio rimarrà volatile nel breve periodo dopo la Brexit. L'Arabia Saudita ha fatto sapere di aver già adottato alcune cautele sugli asset contabilizzati in sterline ed euro prima che si andasse al voto. Anche gli Emirati Arabi hanno tranquillizzato i mercati interni con dichiarazioni simili.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

2025. Carbone addio

L’Italia dirà definitivamente addio al carbone nel 2025, lo ha annunciato il ministro dell’Ambiente Sergio Costa.
[leggi tutto…]

Saipem si aggiudica due contratti per 1,3 miliardi

Saipem si è aggiudicata due contratti Epic assegnati dal cliente Saudi Aramco per un importo totale di 1,3 miliardi di dollari Usa per le attività offshore in Arabia Saudita.
[leggi tutto…]

Upstream, a Eni 13 licenze esplorative in Norvegia

Vår Energi, controllata da Eni con il 69,6% si è aggiudicata 13 licenze esplorative nell'ambito della gara “Awards in Predefined Areas 2018” gestita dal ministero del Petrolio ed energia norvegese.
[leggi tutto…]