Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Greggi in forte calo dopo Brexit
28/06/2016 - Pubblicato in news internazionali

All'indomani dell'esito affermativo del referendum sull'uscita della Gran Bretagna dall'Ue, la cosiddetta Brexit, le quotazioni dei futuri sui greggi hanno perso circa due dollari e mezzo, sia sulla piazza di Londra che su quella di New York. Il contratto di agosto sul Brent è sceso a 48, 41 dollari al barile (-2,5); quello sul Wti a 47,64 $/b (-2,47). Più contenute le perdite del paniere Opec, che ha chiuso la seduta di venerdì in calo di 1,28 dollari a 44,88. Il vice ministro russo con delega all'energia Alexei Texler si aspetta che il mercato del petrolio rimarrà volatile nel breve periodo dopo la Brexit. L'Arabia Saudita ha fatto sapere di aver già adottato alcune cautele sugli asset contabilizzati in sterline ed euro prima che si andasse al voto. Anche gli Emirati Arabi hanno tranquillizzato i mercati interni con dichiarazioni simili.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Primi carichi di Gnl Usa respinti in Europa

L’Europa sembrava in grado di assorbire ogni eccesso di gas liquefatto
[leggi tutto…]

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]