Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il grande domino del Mediterraneo tra pozzi e dispute territoriali
12/02/2018 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Da quando venerdì le navi militari turche hanno imposto alla Saipem 12000 di bloccare la sua rotta verso il “blocco 3” di Cipro, il Grande Gioco del gas nel Mediterraneo orientale è diventato assai duro. La Turchia ha minacciato l’uso delle armi per una contesa economica, che tra l’altro neppure la riguarda direttamente (Ankara tutela il suo vassallo Cipro Nord). Le leggi del mare vietano un comportamento del genere, e affidano la soluzione di queste controversie ai tribunali internazionali. Il problema è che quella parte del Mediterraneo dal 2010, dopo le prime scoperte in Israele, da anni è diventata la terra promessa del gas, ma è anche l’area in cui guerre, rivalità e scontri geopolitici di ogni tipo sono in corso e sono assolutamente prevedibili. Il caso Cipro è solo uno: ci sono lo scontro fra Libano e Israele, la pace fredda tra Israele ed Egitto, la possibilità che un giorno perfino la Siria di Assad inizia ricordarsi di avere un affaccio sul Mediterraneo e crei altri problemi. I tasselli del mosaico sono tutti in movimento abbastanza confuso: è inevitabile che per andare ad incastro gli aspetti geologici, l’esplorazione, la tecnica debbano incrociarsi con l’economia, con la redditività di ogni scoperta. Ma anche con le rivalità politiche e militari.

Fonte: La Repubblica – Vincenzo Nigro (pag. 7)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Gas, ok Arera a seconda sessione aste capacità dall’Algeria

Le difficoltà degli operatori a ottenere i requisiti di partecipazione in tempo utile ha fatto sì che l’asta tenutasi lo scorso primo luglio per l’assegnazione di capacità gas dall’Algeria presso il punto di ent
[leggi tutto…]

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]