Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Gnl Gela, ancora sei mesi di studio per Eni
09/06/2016 - Pubblicato in news nazionali

Mentre sono in corso i lavori per la conversione “green” della raffineria di Gela, per il polo del Gnl “small scale” Eni è ancora nella fase di studio, con due possibilità in fase di valutazione, su cui ci sarà un approfondimento nei prossimi sei mesi con il ministero dello Sviluppo economico, l'amministrazione regionale e quella comunale. È quanto comunica la società in una nota diffusa a valle dell'incontro svoltosi oggi nella località siciliana per presentare un aggiornamento sulla riconversione della raffineria. Lo studio di una base logistica a Gela per la distribuzione di Gnl/Cng completato nel 2015 indica “due soluzioni meritevoli di approfondimenti, riguardanti impianti Gnl di piccola taglia focalizzati su un mercato regionale”. Sulla questione “si è tenuto il 31 maggio il primo tavolo tecnico con Mise, Regione Sicilia e amministrazione comunale di Gela per l'avvio di una fase di approfondimento della durata di circa 6 mesi per verificare la sussistenza delle condizioni tecniche e commerciali per sviluppare una iniziativa a livello industriale”.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]

Sanzioni Usa e caso Navalny, Nord Stream 2 torna nel mirino

Doppio attacco al Cremlino, nel pomeriggio di ieri. Il primo è partito dalla Casa Bianca nelle ultimissime ore dell’amministrazione Trump, che ha sganciato il suo siluro finale sul Nord Stream 2
[leggi tutto…]

UE, due bandi per progetti d’interesse comune

La Commissione europea ha aperto due call for applications per progetti nell'ambito delle reti intelligenti (“smart grids”) e delle reti per il trasporto della CO2 da far rientrare nel quinto elenco di progetti d'interesse comune &nd
[leggi tutto…]