Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Gnl, cosa cambia con Eni in campo
23/03/2016 - Pubblicato in aspetti tecnici,legislativa,news nazionali

Per il settore del Gnl è sicuramente una grande notizia la decisione di Eni di realizzare un polo del gas liquido a Gela. Sia perché, in generale, sancisce una volta di più l'ingresso in forze di un colosso – il secondo dopo la discesa in campo di Edison – che può dare maggiore certezza alle prospettive di sviluppo del settore. Sia perché, in particolare, si tratta del primo grande progetto in materia nel Mezzogiorno. Il polo di Gela sarebbe il tassello mancante al progetto della società di navigazione Caronte & Tourist, che lo scorso anno ha ordinato due traghetti a Gnl per la tratta Reggio-Messina. Il punto di approvvigionamento sarebbe importante anche per la distribuzione stradale nel Mezzogiorno, oggi totalmente assente, e andrebbe ad affiancarsi agli incentivi alla realizzazione di punti vendita nel Sud che, con tutta probabilità, saranno introdotti con il recepimento della direttiva Dafi.

Fonte: Staffetta Quotidiana 

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Aspettative alte ma forti rischi di fiammate dell’energia

Da anni la politica europea è diventata verde e di ciò ne è conferma l’obbligo di spendere almeno il 37% dei fondi del PNRR per obiettivi climatici, che per l’Italia vuole dire destinare 70 miliardi di euro alla rivoluzion
[leggi tutto…]

Eni si separa da gas e petrolio e cerca risorse per diventare verde

L’ENI si fa in quattro per sopportare i costi della transizione energetica e governarla
[leggi tutto…]

Idrogeno, piano da 3,19 miliardi su più livelli

Il sogno dell’idrogeno inizia a diventare realtà con il PNRR che delinea il percorso di sviluppo del settore in Italia lungo quattro direttrici
[leggi tutto…]