Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Gestori e analisti vedono un rialzo del petrolio
03/01/2017 - Pubblicato in news internazionali

Nel 2016 il prezzo del Brent è salito del 56% e quello del Wti del 45%. Determinante è stato l’accordo concluso a fine novembre, in base al quale la maggior parte dei membri dell’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio (Opec) e altri 11 produttori inizieranno a ridimensionare la produzione a partire da questo mese. A che livelli si attesterà il prezzo nel 2017? La stima di Bank of America-Merrill Lynch sul Brent è 61 dollari al barile, con la possibilità di toccare un massimo di 70 dollari verso la metà dell’anno. Quella sul Wti è invece 59 dollari. A parere degli esperti, «l’Arabia Saudita e gli altri Paesi del Golfo taglieranno la produzione di greggio in base a quanto stabilito, ma la Russia e altri Paesi potrebbero congelarla sui livelli attuali o ridurla solo in misura modesta». Da Barclays il prezzo medio del Wti è stimato a 55 dollari al barile nel primo trimestre 2017. Si tratta di una previsione invariata rispetto a quelle precedenti, ma la quotazione del petrolio potrà essere spinta al ribasso dalle condizioni meteo, dall’aumento dell’offerta e dai margini reddituali più deboli.

Fonte: MF – Red. (pag. 7)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Intervista a Claudio Descalzi (ceo Eni): “ A Ravenna il più grande hub della C02 al mondo”

Descalzi spiega come l’emergenza del coronavirus abbia imposto un’accelerazione sulla trasformazione energetica: “dobbiamo definitivamente allontanarci dalla volatilità delle fluttuazione del prezzo del petrolio che ci sta bloccan
[leggi tutto…]

Nell’Oil&Gas l’imperativo è cambiare pelle

Non ci sono soltanto le società americane dello shale oil ad accusare il colpo della crisi, basti pensare alle svalutazioni anticipate da BP, che potrebbero raggiungere 19,5 miliardi nel secondo trimestre
[leggi tutto…]

Energia, Patuanelli e Confindustria <<Avanti investimenti e taglio costi>>

Un impulso alla transizione energetica. Con il via libera da parte del Governo a misure che potranno ridurre il nostro gap di costi nei confronti degli altri paesi, a cominciare dai settori gasivori.
[leggi tutto…]