Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Gentiloni: azeri fiduciosi su Tap, Italia nel “gas to plastic”
11/11/2016 - Pubblicato in news internazionali

Intervista al ministro degli Esteri al ritorno dalla missione nel Caucaso

Il ministro degli Esteri Italiano Paolo Gentiloni ha rassicurato il governo dell'Azerbaigian sull'avanzamento del progetto Tap che, dopo le preoccupazioni espresse dalla compagnia di Stato Socar, si è detto fiducioso che il gasdotto procederà nei tempi previsti. In un'intervista il ministro ha spiegato che al 2020 arriveranno in Italia dal Paese del Caspio 2 miliardi di metri cubi, per poi andare a regime negli anni successivi. Negli incontri col ministro dell'Energia Aliyev non si è parlato del progetto russo-turco Turkish Stream ma delle opportunità per le aziende italiane nello sviluppo industriale del Paese, a cominciare dal progetto da 4 miliardi di euro di polo petrolchimico “gas to plastic” di Socar ma anche nella distribuzione gas. La sicurezza energetica è certamente parte integrante della politica estera dell'Italia e dell'Unione Europea. L'Europa attualmente consuma 420 miliardi di metri cubi e ne importa poco meno di 300. Per il 2020, le importazioni aumenteranno di oltre 35 miliardi di metri cubi a causa del recupero della domanda e soprattutto del calo delle produzioni interne. Dei maggiori volumi di import, solo due miliardi di metri cubi al 2020 arriveranno in Italia dal Caspio. Successivamente, al 2030, il Caspio fornirà 10 miliardi di metri cubi all'Italia e da qui in Europa.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]

Trivellazioni a largo di Cipro. Braccio di ferro tra UE e Erdogan

Acque agitate al largo di Cipro, dove Ankara sta portando avanti da giorni trivellazioni per la ricerca di idrocarburi. Ieri, dopo una settimana di avvertimenti, la Ue ha stabilito un primo round di sanzioni politiche ed economiche alle quali Ankara ha re
[leggi tutto…]