Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Gazprom torna a puntare sul mercato europeo
05/09/2015 - Pubblicato in news internazionali

Delusa dalla Cina Gazprom ha ripreso in mano le redini della situazione in Europa, chiudendo a sorpresa una serie di accordi che aveva lasciato in sospeso con i partner locali e predisponendo la controffensiva alle accuse dell’Antitrust Ue, cui ha fatto sapere che risponderà in forma scritta il prossimo 28 settembre. Il gruppo russo ha annunciato la firma dell’intesa definitiva con i soci europei per la realizzazione del raddoppio di Nord Stream, gasdotto con cui trasporta metano direttamente in Germania, passando attraverso il Mar Baltico, dunque senza rischi di transito. La notizia più inattesa, tra le tante diramate nella giornata di ieri, è stata tuttavia la resurrezione di uno scambio di asset con la tedesca Basf, grazie al quale Gazprom conquisterà il pieno controllo di una parte importante del sistema di distribuzione e stoccaggio del gas nell’Europa centrale, oltre ad entrare in possesso di quote di giacimenti nel Mare del Nord. Operazioni di swap analoghe sono state concordate in linea di principio anche con l’austriaca Omv e discusse con Royal Dutch Shell.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza& Mercati – Sissi Bellomo (pag. 25)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Snam, accordo con Rina sull'idrogeno

Snam e Rina, primario player globale attivo nel campo dei servizi di testing, ispezione, certificazione e consulenza ingegneristica, hanno sottoscritto un memorandum of understanding per avviare una collaborazione nel settore dell'idrogeno
[leggi tutto…]

Intervista a Fatih Birol: "Petrolio, giusto riunire il G20, se crolla il settore per danni per tutti"

Produttori e consumatori di petrolio allo stesso tavolo per evitare “nell’interesse di tutti il tracolo del settore”
[leggi tutto…]

Gazprom, in gennaio-febbraio export gas -24,6%

Nei primi due mesi del 2020 il colosso russo di Stato Gazprom, monopolista delle esportazioni di gas russo via tubo, ha registrato una flessione su anno dell'export del 24,6%
[leggi tutto…]