Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Gazprom torna a puntare sul mercato europeo
05/09/2015 - Pubblicato in news internazionali

Delusa dalla Cina Gazprom ha ripreso in mano le redini della situazione in Europa, chiudendo a sorpresa una serie di accordi che aveva lasciato in sospeso con i partner locali e predisponendo la controffensiva alle accuse dell’Antitrust Ue, cui ha fatto sapere che risponderà in forma scritta il prossimo 28 settembre. Il gruppo russo ha annunciato la firma dell’intesa definitiva con i soci europei per la realizzazione del raddoppio di Nord Stream, gasdotto con cui trasporta metano direttamente in Germania, passando attraverso il Mar Baltico, dunque senza rischi di transito. La notizia più inattesa, tra le tante diramate nella giornata di ieri, è stata tuttavia la resurrezione di uno scambio di asset con la tedesca Basf, grazie al quale Gazprom conquisterà il pieno controllo di una parte importante del sistema di distribuzione e stoccaggio del gas nell’Europa centrale, oltre ad entrare in possesso di quote di giacimenti nel Mare del Nord. Operazioni di swap analoghe sono state concordate in linea di principio anche con l’austriaca Omv e discusse con Royal Dutch Shell.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza& Mercati – Sissi Bellomo (pag. 25)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]