Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Gazprom potrà fornire più gas via Germania
29/10/2016 - Pubblicato in news internazionali

Nella partita del gas tra Gazprom e la Commissione europea, è stata quest’ultima a fare la prima concessione concreta. I russi hanno ottenuto il sospirato via libera ad un maggiore utilizzo di Opal, gasdotto cruciale per riuscire ad aumentare il transito di metano via Germania, in quanto collega l’approdo di Nord Stream sulla costa baltica al confine con la Repubblica Ceca. Anche a questa decisione era appeso il destino del piano di raddoppio del Nord Stream, benché il progetto resti per ora nel limbo, a causa di problemi di azionariato e di finanziamento. Gazprom, finora costretta dalle normative Ue a non utilizzare più del 50% della capacità di Opal, avrà d’ora in poi la possibilità – quanto meno teorica- di salire fino all’80% per un totale di 28,2 miliardi di metri cubi (Mmc) l’anno. Secondo la decisione di Bruxelles 18 Mmc saranno di uso esclusivo della società russa e della tedesca Rwe fino al 2033, mentre il resto dovrà essere messo all’asta, riservando non meno del 20% ad altri fornitori di gas.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Finanza e Mercati – Sissi Bellomo (pag. 29)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]