Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Gazprom, nuovo tubo da Yamal
20/01/2017 - Pubblicato in news internazionali

Ieri Gazprom ha inaugurato un nuovo gasdotto a Bovanenkovskoye nella penisola di Yamal, Russia siberiana nordoccidentale. Presente alla cerimonia Alexey Miller, Ceo del compagnia russa, e in conference call anche il presidente della Federazione Russa Vladimir Putin. La nuova conduttura, Bovanenkovo-Ukhta 2, potenzia il collegamento tra il maggior campo gasifero della penisola siberiana con la Russia's Unified Gas Supply System. “Il nuovo gasdotto, Bovanenkovo-Ukhta 2, costruito come parte della corridoio settentrionale di trasmissione del gas, rimodella la geografia dei flussi di gas sia per il rifornimento domestico sia per le esportazioni”, ha commentato Miller in apertura della cerimonia, aggiungendo che il “corridoio settentrionale diventa fondamentale per il rifornimento di gas per tutta la Russia europea ed integra la più breve, affidabile ed efficiente via per l'esportazione di gas in Europa, che passa dalla penisola di Yamal alla Germania attraverso il Mar Baltico”. Nonostante le resistenze di alcuni paesi europei, primo tra tutti la Polonia, infatti il progetto russo del Nord Stream 2 procede.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

“Gas fondamentale per la competitività. L’Italia giochi il suo ruolo in Europa”

Intervenendo al convegno organizzato da Assocarta e Confindustria Toscana Nord su “Gas, competitività e sostenibilità ambientale nell’industria italiana”  il manager si Sofidel Luigi Lazzeschi ha sottolineato come il P
[leggi tutto…]

Scoperta Eni nel Mare del nord

Eni, attraverso la controllata Var-Energy (Eni 69,6%) e Hitec Vision (30,4%) ha annunciato una scoperta di petrolio e gas nella licenza PL 869 nel Mare del Nord norvegese.
[leggi tutto…]

Eni, più petrolio e per compensare nascerà in Africa una superforesta

Il Piano industriale Eni da qui al 2022 prevede da un lato, l’aumento di petrolio e gas naturale estratti dai suoi giacimenti in giro per il mondo almeno del 3,5% all’anno.
[leggi tutto…]