Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Gazprom: “Italia punto di riferimento per la mobilità a gas”
31/01/2019 - Pubblicato in news internazionali

L’Italia è “un punto di riferimento” in Europa per la mobilità a gas con oltre 1 milione di auto, più di 1.300 punti di rifornimento e vari progetti di sviluppo. Lo ha dichiarato il presidente di Gazprom, Viktor Zubkov, alla European Gas Conference di Vienna. La mobilità a gas è stata definita “promettente” anche dal direttore generale di Gazprom Export, Elena Burmistrova, soprattutto in riferimento al Gnl nei trasporti pesanti. Nel suo intervento, Burmistrova ha affermato che il gas è “il miglior partner delle rinnovabili” e che l’idrogeno ha “ottime prospettive in chiave di abbattimento della CO2”. Secondo la Burmistrova l’Europa diverrà sempre più dipendente dall’import e la Russia. Alla conferenza viennese è intervenuta anche la vice-presidente senior Business development di Snam, Maria Rita Galli, che ha evidenziato l’importanza delle infrastrutture del gas per l’integrazione dei mercati europei e la sicurezza degli approvvigionamenti. Nord Stream 2, intanto, è ormai vicino al completamento: la prima linea sarà pronta il prossimo novembre e la seconda il mese successivo. Quanto al gasdotto Tap, il managing director Luca Schieppati ha fornito un nuovo aggiornamento del progetto, “completato all’84%”. Il tratto tra Grecia e Albania, ha spiegato Schieppati, “è al 97% e le condotte sono già state interrate, mentre in Italia si lavora al terminale di ricezione e al micro-tunnel”.

Fonte: Quotidiano Energia

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Un pieno di idrogeno

Spinta sull’idrogeno, decisivo a decarbonizzare il mondo
[leggi tutto…]

Sussidi ambientali, fra tagli e retromarce tutte le voci sotto tiro

In queste settimane il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, ha annunciato di voler rincarare l’accisa del gasolio per modificare il prezzo e rendere il diesel più costoso della benzina, perché ritenuto un sussidio dannoso per l&
[leggi tutto…]

Industria ceramica in allarme: <<Arrivano costi folli per la CO2>>

Cambiano e diventano più severe le regole europee per le emissioni di anidride carbonica dell’industria
[leggi tutto…]