Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Gasolio dell’Isis venduto in Italia
19/10/2017 - Pubblicato in news nazionali

È stato stroncato un contrabbando di gasolio che dalla Libia portava il carburante fino a stazioni di servizio italiana e che probabilmente era gestito da affiliati all’Isis. Così ritiene il Procuratore della Repubblica di Catania Zuccaro, già noto per le sue indagini sulle Ong pro-migranti. La cosiddetta operazione ‘dirty oil’ con cui la Guardia di Finanza ha concluso un anno di indagini arrestando sei persone, e spiccando mandati contro tre latitanti è tornata in auge. L’organizzazione cui si fa riferimento trafugava il gasolio dalla raffineria libica di Zawyia, 40 km a ovest di Tripoli, imbarcandolo su natanti che lo trasportavano in Sicilia per conto della società Maxcom Bunker. Poi il carburante veniva smerciato a distributori compiacenti in Italia, Francia e Spagna.

Fonte: Libero – Mirko Molteni (pag. 8)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Obiettivo di Eni: sostenibilità e transizione energetica

Il mondo dell’energia sta cercando di evolvere nella direzione di una maggiore sostenibilità
[leggi tutto…]

Eni, rosso da 7,34 miliardi. Taglia spese, investimenti e anche il dividendo

Eni chiude il “peggior semestre nella storia dell’oil&gas”, due materie deprezzate del 57% da gennaio, con un rosso di 7,34 miliardi di euro legato molto a svalutazioni di magazzino. I conti nuovi, del secondo trimestre, sono comunqu
[leggi tutto…]

Sad e gas per usi industriali, supplemento di istruttoria

La Commissione interministeriale per lo studio e l’elaborazione di proposte per la transizione ecologica e per la riduzione dei sussidi ambientalmente dannosi (Sad) ha formulato alcune proposte normative volte a rimodulare sette Sad previsti nel rel
[leggi tutto…]