Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Gasolio dell’Isis venduto in Italia
19/10/2017 - Pubblicato in news nazionali

È stato stroncato un contrabbando di gasolio che dalla Libia portava il carburante fino a stazioni di servizio italiana e che probabilmente era gestito da affiliati all’Isis. Così ritiene il Procuratore della Repubblica di Catania Zuccaro, già noto per le sue indagini sulle Ong pro-migranti. La cosiddetta operazione ‘dirty oil’ con cui la Guardia di Finanza ha concluso un anno di indagini arrestando sei persone, e spiccando mandati contro tre latitanti è tornata in auge. L’organizzazione cui si fa riferimento trafugava il gasolio dalla raffineria libica di Zawyia, 40 km a ovest di Tripoli, imbarcandolo su natanti che lo trasportavano in Sicilia per conto della società Maxcom Bunker. Poi il carburante veniva smerciato a distributori compiacenti in Italia, Francia e Spagna.

Fonte: Libero – Mirko Molteni (pag. 8)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Idrogeno, consultazione sulla Strategia UE

La Commissione europea ha avviato una consultazione in vista dell'adozione della Strategia sull'idrogeno entro la metà dell'anno
[leggi tutto…]

Gasdotto Italia-Malta, al via consultazione transfrontaliera

Il ministero dell'Ambiente ha avviato nei giorni scorsi la consultazione pubblica transfrontaliera sul progetto di gasdotto di interconnessione tra Italia e Malta, una pipeline da 1,2 miliardi di mc all'anno per una lunghezza di 159 km tra Delim
[leggi tutto…]

Mire cinesi sul gas Eni australiano

Arrivano dalla Cina i primi concreti segnali di interesse per gli asset australiani di Eni. Secondo indiscrezioni, tra i pretendenti c’è Roc Oil, quartier generale a Sidney ma azionariato cinese
[leggi tutto…]