Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il gasdotto tenuto in scacco dagli ulivi
26/07/2016 - Pubblicato in news nazionali

Il gasdotto Tap in Puglia bloccato all’ultimo miglio. Benchè il Ministero dell’Ambiente abbia rilasciato nel settembre del 2014 la valutazione di impatto favorevole e il Ministero dello Sviluppo economico l’autorizzazione unica il 20 maggio 2015, il braccio di ferro tra la società del gasdotto e la Regione Puglia continua a tenere in scacco i lavori preliminari nell’area di Melendugno, dove l’opera approderà nel Mar Adriatico. L’ostacolo è rappresentato dallo spostamento e dal reimpianto degli ulivi e dal ripristino dei muretti a secco: in tal modo il progetto rischia di veder aggravare il ritardo. In aggiunta, Regione e Comune di Melendugno hanno in piedi anche un giudizio al Consiglio di Stato contro l’autorizzazione unica del Mise, ma la nuova udienza è fissata a gennaio 2017.

Fonte: Il Sole 24Ore – Domenico Palmiotti (pag. 13)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Energia, l’idrogeno al 13-14% nel mix europeo entro il 2050

Sullo sfondo c’è l’obiettivo di decarbonizzare l’economia europea, traguardo che verrà raggiunto anche tramite l’idrogeno, che dovrebbe crescere nel mix energetico fino al 13-14% da qui al 2050 puntando soprattutto su
[leggi tutto…]

Ad agosto arriva il gas in Puglia. Turisti sulle spiagge del Tap

Il metano che viene estratto dal Mar Caspio fino alla settimana scorsa arrivava sui monti del Pindo al confine tra la Grecia e l’Albania
[leggi tutto…]

Dalla lotta alle frodi al taglio dei sussidi

Lo chiamano “Pins”, Piano di politica economico-finanziaria per l'Innovazione e la sostenibilità, ed è la new entry annunciata nel Programma nazionale di riforma (Pnr), che servirà a organizzare tutti i piani preesist
[leggi tutto…]