Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il gasdotto tenuto in scacco dagli ulivi
26/07/2016 - Pubblicato in news nazionali

Il gasdotto Tap in Puglia bloccato all’ultimo miglio. Benchè il Ministero dell’Ambiente abbia rilasciato nel settembre del 2014 la valutazione di impatto favorevole e il Ministero dello Sviluppo economico l’autorizzazione unica il 20 maggio 2015, il braccio di ferro tra la società del gasdotto e la Regione Puglia continua a tenere in scacco i lavori preliminari nell’area di Melendugno, dove l’opera approderà nel Mar Adriatico. L’ostacolo è rappresentato dallo spostamento e dal reimpianto degli ulivi e dal ripristino dei muretti a secco: in tal modo il progetto rischia di veder aggravare il ritardo. In aggiunta, Regione e Comune di Melendugno hanno in piedi anche un giudizio al Consiglio di Stato contro l’autorizzazione unica del Mise, ma la nuova udienza è fissata a gennaio 2017.

Fonte: Il Sole 24Ore – Domenico Palmiotti (pag. 13)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Riad mobilita le riserve per evitare il caro-petrolio

Oltre alle questioni relative alla sicurezza sono gli effetti economici e finanziari provocati dall’attacco alle due raffinerie saudite a preoccupare la comunità internazional
[leggi tutto…]

Russia e Ucraina riaprono la partita delle forniture di gas

E’ in procinto di scadere il contratto decennale che regola il transito di gas russo attraverso l’Ucraina e l’UE
[leggi tutto…]

Snam cerca lo sbarco negli Usa. Nel mirino c’è il gasdotto Rover

Dopo il consolidamento in Europa e l’approdo in Cina, Snam accende un faro sugli USA dove la domanda di gas crescerà al ritmo del 2% annuo da qui al 2030
[leggi tutto…]