Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il gasdotto tenuto in scacco dagli ulivi
26/07/2016 - Pubblicato in news nazionali

Il gasdotto Tap in Puglia bloccato all’ultimo miglio. Benchè il Ministero dell’Ambiente abbia rilasciato nel settembre del 2014 la valutazione di impatto favorevole e il Ministero dello Sviluppo economico l’autorizzazione unica il 20 maggio 2015, il braccio di ferro tra la società del gasdotto e la Regione Puglia continua a tenere in scacco i lavori preliminari nell’area di Melendugno, dove l’opera approderà nel Mar Adriatico. L’ostacolo è rappresentato dallo spostamento e dal reimpianto degli ulivi e dal ripristino dei muretti a secco: in tal modo il progetto rischia di veder aggravare il ritardo. In aggiunta, Regione e Comune di Melendugno hanno in piedi anche un giudizio al Consiglio di Stato contro l’autorizzazione unica del Mise, ma la nuova udienza è fissata a gennaio 2017.

Fonte: Il Sole 24Ore – Domenico Palmiotti (pag. 13)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Rally del petrolio con ipotesi tagli

Il mercato del petrolio è forse vicino a una svolta. Arabia Saudita e Stati Uniti hanno aperto la porta alla possibilità di tagli alla produzione, anche di grande entit
[leggi tutto…]

Forniture gas, la Polonia vince l’arbitrato con la Russia

Al termine di una disputa legale durata cinque anni, il Tribunale arbitrale di Stoccolma ha accolto le tesi della polacca Pgnig, che nel 2015 aveva presentato ricorso contro Gazprom per i termini di prezzo del contratto di fornitura gas di lungo-termine f
[leggi tutto…]

Idrogeno verde, per la competitività servono 150 mld $ in 10 anni

L'idrogeno verde, prodotto per elettrolisi dall'acqua attraverso elettricità da fonte rinnovabile, è una strada promettente, ma per renderlo economicamente sostenibile – con un costo di un dollaro al kg – servono incent
[leggi tutto…]