Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il gasdotto tenuto in scacco dagli ulivi
26/07/2016 - Pubblicato in news nazionali

Il gasdotto Tap in Puglia bloccato all’ultimo miglio. Benchè il Ministero dell’Ambiente abbia rilasciato nel settembre del 2014 la valutazione di impatto favorevole e il Ministero dello Sviluppo economico l’autorizzazione unica il 20 maggio 2015, il braccio di ferro tra la società del gasdotto e la Regione Puglia continua a tenere in scacco i lavori preliminari nell’area di Melendugno, dove l’opera approderà nel Mar Adriatico. L’ostacolo è rappresentato dallo spostamento e dal reimpianto degli ulivi e dal ripristino dei muretti a secco: in tal modo il progetto rischia di veder aggravare il ritardo. In aggiunta, Regione e Comune di Melendugno hanno in piedi anche un giudizio al Consiglio di Stato contro l’autorizzazione unica del Mise, ma la nuova udienza è fissata a gennaio 2017.

Fonte: Il Sole 24Ore – Domenico Palmiotti (pag. 13)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Saipem trova il tris in Australia

Due notizie hanno aiutato Saipem nella risalita in borsa di ieri, che ha visto il titolo chiudere a 3,86€ con un guadagno del 2,4%.
[leggi tutto…]

“Blocca trivelle”, l'impatto sulle attività upstream

In attesa che la maggioranza di Governo prenda una decisione sul cosiddetto “blocca trivelle”, è importante mettere a fuoco i riflessi che le misure restrittive che si vorrebbero adottare potrebbero avere sulle attività upst
[leggi tutto…]

Non solo Tap: il gas dell’Est all’assalto della Puglia

Non si è ancora sopita la polemica contro il Tap, che già si profilano altri gasdotti in Puglia.
[leggi tutto…]