Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il gasdotto Tap costerà 4,5 mld
15/02/2017 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Dopo tante stime ufficiose c’è finalmente una cifra certa. E sono buone notizie per gli azionisti del consorzio Tap Ag, che realizzerà la parte finale del gasdotto tra Azerbaijan e Italia, attraverso il cosiddetto Corridoio Sud. Il saldo totale degli investimenti necessari, infatti, è più basso del previsto: 4,5 miliardi di euro rispetto alla forchetta di 5,6-6 miliardi accreditata finora dal mercato. Di conseguenza, scende pro-quota il contributo a carico di ciascun azionista. Del consorzio Tap Ag fanno parte sei soci: Snam (20%), BP (20%), Socar (20%) Fluxys (19%), Enagás (16%) e Axpo (5%). Oggi la società è responsabile dello sviluppo e dell’esercizio dell’infrastruttura di trasporto del gas dalla zona di confine tra Grecia e Turchia al Sud Italia (Puglia), ma a lavori ultimati diventerà gestore del sistema di trasmissione, garantendo la capacità di trasporto per consentire a shipper e produttori di commercializzare il proprio gas. Nel frattempo è quasi completata la fase 2 dello sviluppo di Shah Deniz, il mega giacimento azero dal quale, a partire dal 2020, arriverà il gas destinato ai mercati raggiunti dal Tap fino all’approdo finale in Italia, sulle coste pugliesi. Il gasdotto Tap, a regime, trasporterà fino a 8 miliardi di metri cubi di gas l’anno.

Fonte: MF – Angela Zoppo (pag. 14)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Gas, ok Arera a seconda sessione aste capacità dall’Algeria

Le difficoltà degli operatori a ottenere i requisiti di partecipazione in tempo utile ha fatto sì che l’asta tenutasi lo scorso primo luglio per l’assegnazione di capacità gas dall’Algeria presso il punto di ent
[leggi tutto…]

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]